Giornale di Monza > Motori > Prime immagini di Range Rover Velar. La leggenda continua

GMO Motori

Motori
0 commenti.

Prime immagini di Range Rover Velar. La leggenda continua

Range Rover è diventato il SUV di lusso, una macchina di una classe a sé stante.

Scritto da:

Negli ultimi dieci anni, la trasformazione del marchio Land Rover è stata davvero notevole. Range Rover Velar è testimone di questo cambiamento senza precedenti che è stato caratterizzato dall’introduzione di una nuova gamma di SUV. Un’auto che mostra una combinazione unica di eccellenza nel design e integrità di ingegneria.

Velar per raccontare un mito

Questa trasformazione segna un importante capitolo con Range Rover Velar. Derivato dalla parola latina Velare significato ‘per coprire’ o ‘il velo’, Velar fa riferimento diretto al nome in codice utilizzato sull’originale di pre-produzione Range Rover della fine degli anni 1960. Studiata per riempire lo spazio vuoto tra la Range Rover Evoque e la Range Rover Sport, Velar diventa portatrice di glamour, modernità ed eleganza. Un veicolo che ha nel suo DNA valori e tradizioni uniche, aggiungendo ambizioni di vettura sportiva ma elegante, pensati per un nuovo target di clientela.

Ecco le prime foto di Range Rover Velar.

Storia di un mito: Range Rover Velar

I primi prototipi Range Rover sono stati veri pionieri. La loro missione era quella di esplorare e, laddove era possibile, estendere al di là della strada asfaltata il comfort e la maestosità. Elementi di cui, alla fine degli anni 1960, le auto inglesi erano celebri. Con il tempo Range Rover è diventato il SUV di lusso, una macchina di una classe a sé stante, guadagnando l’appellativo di ‘Royal SUV’. Lusso e funzionalità sono le caratteristiche che definiscono la nuova Range Rover. Valori che sono stati costantemente estesi in ogni direzione per quasi 50 anni ormai.

Leggi anche:  Volkswagen lancia la sfida: entro il 2025 dimezza l’impatto ambientale

L’articolo Prime immagini di Range Rover Velar. La leggenda continua proviene da Motori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente