Alla fine il pubblico ministero ha chiesto l’archiviazione per Andrea Crippa. Il leader dei Giovani padani, fresco di elezione a Montecitorio, se l’era presa con il Museo Egizio di Torino.

Andrea Crippa contro gli sconti agli arabi

Il lissonese, ai tempi portaborse di Matteo Salvini, spacciandosi per un visitatore aveva infatti telefonato al noto museo torinese, che aveva proposto promozioni e sconti nei confronti di cittadini di lingua araba. L’iniziativa prevedeva un biglietto d’ingresso gratuito per chi si presentava in coppia.

Biglietti gratis per gli arabi

Al Museo Egizio di Torino ingressi gratuiti per gli arabi.E gli italiani? Pagano!

Pubblicato da Andrea Crippa su mercoledì 17 gennaio 2018

Una vicenda che aveva scatenato la furia dei lumbard (e non solo) che avevano letteralmente sommerso la struttura museale di telefonate, minacce e aspre critiche.

Il servizio del Giornale di Monza del 30 gennaio
Il servizio del Giornale di Monza del 30 gennaio

Era arrivata anche una querela

Contro la polemica sollevata dal lissonese, che è anche ex consigliere comunale, la direzione del Museo Egizio aveva esposto querela alla Procura della Repubblica di Torino. Oggi, a distanza di oltre due mesi, è arrivata la richiesta di archiviazione per il leader del movimento giovanile della Lega.

Leggi anche:  Festa della Lombardia: Giovani padani nelle scuole della Brianza

© RIPRODUZIONE RISERVATA