“Energy Park è uno di quegli esempi che ci piacerebbe poter replicare in altre aree dismesse. In questo caso l’ente pubblico è stato molto rapido ed efficiente”.

Ieri pomeriggio, martedì, Giorgio Gori, candidato governatore della Regione Lombardia per il centrosinistra, ha visitato il fiore all’occhiello del distretto hi-tech del vimercatese accompagnato dall’on. Roberto Rampi e da Enrico Brambilla, oltre che dal segretario provinciale del Partito Democratico Pietro Virtuani, candidato nel collegio uninominale di Monza alla Camera.

Un tuffo nella storia dell’Energy Park

Durante la visita, organizzata dal comitato per Gori di Vimercate, l’Ad di Segro Mario Ferroni e il progettista dell’Energy Park l’Architetto Paolo Garretti gli hanno raccontato come è nato e come si è sviluppato il progetto, e quali sono le prospettive future.

Giorgio Gori, dialogando con i giornalisti e i militanti del Partito Democratico presenti, ha sottolineato una particolare attenzione verso i temi del territorio, in particolare al prolungamento della metropolitana da Cologno Nord, assolutamente necessario, e alle scelte necessarie sul prolungamento di pedemontana.

Leggi anche:  "In Villa Borromeo un laboratorio di restauro del legno"

Mentre, per quanto riguarda l’aumento del casello della Tangenziale Est, il sindaco di Bergamo ha sottolineato che “è doveroso sedersi a tavolo con Serravalle e cercare di trovare una soluzione”.

 Le foto della visita di Gori