“L’Europa non è lontana, ma influisce ogni giorno sulla vita di tutti noi”. Un concetto messo in evidenza nell’incontro promosso dal Partito democratico di Desio, nell’ambito della campagna elettorale,  per discutere di Europa. Lo ha fatto con chi a Bruxelles ci lavora quotidianamente, l’europarlamentare Brando Benifei, per spiegare che l’Unione Europea non è “un’entità estranea”.

Presenti i candidati

La serata è stata anche l’occasione per dare pubblicamente inizio alla campagna elettorale della desiana Cristina Redi. L’attuale vicesindaco e assessore è infatti candidata alle elezioni regionali nella lista dei dem a sostegno di Giorgio Gori Presidente. A completare il quartetto degli ospiti altri due candidati: Roberto Scanagatti (per il Consiglio regionale) e Maria Antonia Molteni (per la Camera dei Deputati). Coordinatore dell’incontro il Segretario Pd, Angelo Paola, che ha focalizzato l’attenzione su due temi fondamentali. “I nostri avversari politici demonizzano l’Europa o sono confusi, per questo il 4 marzo è importante sostenere il Partito Democratico che sull’Europa ha invece le idee ben chiare e vuole migliorare il lavoro già svolto nei cinque anni di Governo appena concluso”, e ha poi ribadito: “Siamo per una società aperta”.

Avvicinarsi all’Europa

L’intervento iniziale è toccato proprio a  Cristina Redi. “L’Europa è spesso percepita come un problema piuttosto che una risorsa da cui ripartire, invece il 4 marzo si vota anche per l’Europa. Quale Europa? Spero quella voluta dal Partito Democratico perché è un tema che ci interessa da vicino. Giorgio Gori, per la Lombardia, vuole e deve intervenire sul Comitato delle Regioni affinché anche il nostro territorio possa avere un ruolo di prim’ordine nella fase di definizione e di programmazione delle scelte politiche: è l’unica strada per avvicinarci all’Europa”.

Leggi anche:  Gori siluro a Fontana: "Se ci sei, batti un colpo" VIDEO

Corti: “Negli ultimi dieci anni la Lombardia ha perso posizioni”

A conclusione dell’incontro anche il sindaco Roberto Corti ha ricordato che “La Lombardia è passata negli ultimi dieci anni dal 20esimo al 40esimo posto in termini di Pil pro-capite; dati che dimostrano che non è tutto perfetto, ma anzi ben diverso rispetto a quanto raccontato dal centrodestra”. Ha evidenziato come sia importante “votare il Partito Democratico nelle elezioni regionali e nazionali del 4 marzo: soltanto così si sceglierà di proseguire sulla strada dell’Europa: insieme, per fare meglio”.