Nel nuovo Governo sono tre i ministri lombardi, ma ci sono anche due “vicini di casa” stretti: un veronese e un novarese.

Da Cremona Danilo Toninelli (M5S)

E’ Danilo Toninelli il nuovo Ministro delle Infrastrutture. Originario di Soresina, classe 1974, si tratta di uno dei fedelissimi di Luigi Di Maio. Sposato, due figli e reduce da una presa di posizione forte sul vicino di casa cremonese Carlo Cottarelli. Focus su GiornalediCremona.it

Da Pavia Gian Marco Centinaio (Lega)

Ministro delle Politiche Agricole è Gian Marco Centinaio, ex sindaco di Pavia. Il capogruppo della Lega in Senato ha ricevuto il Ministero delle Politiche agricole. E’ stato vicesindaco di Pavia con la Giunta Cattaneo. Ora assurge a un importante incarico nazionale nel ruolo di Ministro. Focus su GiornalediPavia.it

Altro lombardo, Marco Bussetti (Lega)

Nato a Gallarate (Va) Marco Bussetti – tecnico ma vicino alla Lega – è il nuovo Ministro dell’Istruzione, Università e Ricerca. Nel 2015, è stato nominato per un mese dirigente dell’istituto comprensivo Aldo Moro di Corbetta, nel Milanese, ma ha anche Coordinatore di Educazione Fisica e Sportiva dell’Ambito Territoriale di Varese. Focus su Settegiorni.it + Il ministro prof di ginnastica su VareseSettegiorni.it

Alberto Bonisoli da Novara (M5S)

Il presidente del Consiglio incaricato ha scelto il castellettese Alberto Bonisoli come ministro della Cultura. Tecnico vicino al Movimento 5 Stelle, è direttore della Nuova Accademia delle Belle Arti di Milano. Alberto Bonisoli, ed è residente a Castelletto Ticino (vicino ad Arona, in Provincia di Novara) dal 2007. Focus su NovaraOggi.it

Leggi anche:  Il monzese Max Romeo presidente dei senatori della Lega

Il veronese Lorenzo Fontana (Lega)

Ha transitato dalla Fiera di Verona al Parlamento Europeo e ora è approdato al Governo. Lorenzo Fontana, neoministro alla Famiglia e alle disabilità, è da sempre il consigliere politico più vicino a Matteo Salvini e vicepresidente federale della Lega. E non è il primo Fontana veronese che fa il Ministro come racconta VeronaSettegiorni.it

Molto meno prossimi al confine lombardo, ma comunque li citiamo per la cronaca, sono i veneti Riccardo Fraccaro (M5S), di Montebelluna ai Rapporti col Parlamento, e Erika Stefani (Lega), vicentina, ad Affari regionali e Autonomie.

E c’è anche Matteo Salvini…

Questi erano i cinque nomi relativamente “nuovi” che l’elettorato imparerà a conoscere, ma nella lista dei ministri del Nord c’è naturalmente anche il milanese Matteo Salvini, la cui esperienza è senza dubbio rispetto agli altri più… “stagionata”. Il leader della Lega sarà vicepremier, ma anche Ministro dell’Interno. Il primo intervento da “quasi Ministro” su GiornalediSondrio.it

Moavero Milanesi nel Lodigiano c’è solo nato

Da ultimissimo, discendente della famiglia Bocconi — quella che ha fondato l’università di Milano — Enzo Moavero Milanesi, Ministro degli Esteri, è nato a Cavenago D’Adda in provincia di Lodi, ma poi non ha vissuto in Lombardia.