Sette candidati alla carica di governatore della Regione Lombardia e 19 liste.

E’ questo il bilancio che emerge dall’ufficio centrale della Corte di appello di Milano alla chiusura dei termini della presentazione delle candidature per le regionali lombarde in programma domenica 4 marzo, che scadeva ieri alle 12.

Tutti contro tutti

L’uscita di scena del governatore uscente Roberto Maroni ha mischiato le carte.

Per il centrodestra è confermata la candidatura del leghista Attilio Fontana, ex sindaco leghista di Varese, sostenuto da 7 liste: Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Noi con l’Italia, Energie per la Lombardia e Pensionati, e la lista civica ‘Fontana presidente’ (solo in 7 province su 12).

Sette liste a sostegno di Gori

Come per Fontana, anche per Gori sono sette le liste che appoggiano la candidatura del sindaco di Bergamo.

Sono: Pd, Lista Gori, Obiettivo Lombardia per Gori, Insieme, Lombardia Progressista, +Europa e Civica Popolare.

Il Movimento 5 Stelle candida il consigliere lombardo uscente Dario Violi

Il Movimento 5 Stelle candida il consigliere lombardo uscente Dario Violi.

Leggi anche:  Di Maio a Monza per Bramini fa una promessa VIDEO

Mentre Liberi e Uguali l’ex segretario generale della Camera del lavoro milanese Onorio Rosati. In corsa anche Massimo Gatti, ex consigliere provinciale milanese di Rifondazione comunista, per Sinistra per la Lombardia.

Giulio Arrighini per Grande Nord, movimento fondato da ex leghisti. E Angela De Rosa per Casapound

Il vaglio sulla loro ammissibilità è in corso e sarà completato entro domani a mezzogiorno. Le candidature alla presidenza sono quelle annunciate nelle scorse settimane.