Aree dismesse e urbanistica, via libera dal Consiglio comunale al nuovo “ballo del mattone”.

Urbanistica, nuovo corso

L’Aula ha approvato il nuovo corso dell’urbanistica in città. Il Consiglio ha approvato le nuove tariffe per costruire e gli sconti previsti per gli operatori per aumentare l’attrattività del territorio. L’intento dell’Amministrazione è rinnovare il patrimonio edilizio
dismesso, incentivando l’efficientamento energetico e sostenendo le attività commerciali di vicinato.

Il recupero delle aree dismesse

Ma non solo. Nel documento sono previsti anche incentivi per ridurre i tempi di recupero delle aree dismesse soggette a Piano attuativo o a permesso di costruire convenzionato. E’ prevista, in particolare, una riduzione del 25% sugli oneri di urbanizzazione già scontati, nel caso in cui l’operatore si impegni a realizzare interventi privati e pubblici in tempi minori di quelli previsti dalla legge.

Approvazione…quasi “bipartisan”

Le nuove misure sono state approvate con il voto favorevole della maggioranza, di Alberto Mariani del Grande Nord e dei due consiglieri del Movimento 5 Stelle. “Morbida” la posizione dell’opposizione con l’astensione del Pd e della lista civica “Monza per Scanagatti”.

Leggi anche:  Elezioni comunali 2018 | Chiude la campagna elettorale: Veggian al BirraGaia, Paoletti al Bardo

La soddisfazione dell’assessore

Soddisfatto l’assessore allo Sviluppo del Territorio, Martina  Sassoli che nei giorni scorsi ha iniziato dei sopralluoghi nelle aree dismesse che potrebbero essere strategiche per la città: “Ho sempre creduto che pubblico e privato debbano lavorare fianco a fianco: soprattutto in questa fase di incertezza economica, il Comune ha il dovere di essere al fianco di chi investe. In soli tre mesi dalla istituzione del Tavolo per lo sviluppo di Monza, siamo riusciti a dare vita alle quattro azioni amministrative più significative che il mercato aspettava. Con questo provvedimento, il Comune accetta la sfida di premiare e gli interventi di qualità eliminando i tempi morti e velocizzando gli iter burocratici”.