Quali sono i benefici del peperoncino sulla salute? In primis fa bene al cuore. Se prima questa era una credenza popolare, in seguito sono giunti anche seri studi che hanno confermato i detti dei nonni. Da quanto si apprende il peperoncino rappresenta un serio aiuto per le malattie cardiovascolari ma non solo. Offre, infatti, anche un ottimo aiuto a chi desidera dormire meglio e incrementa, in modo generale, la capacità tonica dell’organismo… E queste sono solo alcune delle virtù terapeutiche del peperoncino, prodotto in ingenti quantità sulle coste del Mediterraneo. E più particolarmente, nel sud del Bel Paese.

I benefici del peperoncino sulla salute

A lui, al principe delle nostre tavole, viene addirittura dedicato un festival, a Diamante – splendida località sulla costa tirrenica cosentina – che, tra cinema, mostre e convegni, dedica attenzione proprio allo specifico rapporto tra salute e peperoncino. Il peperoncino viene considerato ottima cura preventiva dell’infarto e delle malattie cardiocircolatorie. Ed è stato inserito, già anni fa, all’interno di un elenco assai dettagliato come uno dei dieci ingredienti per la buona salute, abbinati alla buona tavola. Secondo i medici l’uso costante di peperoncino abbassa, in particolare, il livello di colesterolo nel sangue. Aiuta poi il cuore e agisce come vasodilatatore con grossi benefici per i capillari e per le coronarie. Il seme del peperoncino contiene molti acidi polinsaturi che eliminano dalle arterie il colesterolo in eccesso e i trigliceridi.

Leggi anche:  Erbe e prodotti naturali per una chioma sempre in salute

Diminuisce l’insorgenza di trombi

Altri studi hanno rivelato che il peperoncino diminuisce anche l’insorgenza di trombi. Altra notizia che non può non favorire il consumo di questo ottimo prodotto della terra, quella che il piccante amico degli spaghetti, oltre a dilatare i vasi sanguigni e a migliorare la circolazione del sangue, agisce anche come antidolorifico naturale. Infatti, contiene una sostanza che stimola alcuni recettori distribuiti in bocca i quali ordinano al cervello di rilasciare endorfine, gli ormoni che migliorano la resistenza al dolore e danno allegria e serenità.