L’autismo infantile si combatte con la ricerca, la clinica e l’attività didattica. Lo dimostra l’attività dell’associazione «Amici dell’Università Campus Bio-Medico di Roma», che sostiene – anche economicamente – l’attività del Campus Bio-Medico. Lo ha spiegato la presidente della onlus, Rossella Perricone, durante un evento di raccolta fondi, allo Sporting Club di Monza.
Ad aprire la serata, il concerto al pianoforte del maestro Ivano Palma. Milanese di nascita, il pianista è anche insegnante di musica e lavora in due istituti monzesi: al Collegio della Guastalla e all’Istituto Canossiane.

La nuova struttura milanese per il trattamento dell’autismo

Il Campus Bio-Medico è un Policlinico e sede universitaria, ha la sede principale a Roma e non si occupa solo di autismo, ma più in generale di assistenza medica e cura della persona. Recentemente ha aperto a Milano, in zona Precotto (in via Rucellai), un centro polifunzionale per il trattamento dei disturbi dello sviluppo e dell’autismo, in uno stabile che fa capo alla «Fondazione Gaetano e Mafalda Luce».

Leggi anche:  Plantari su misura per vivere meglio

Rossana Alloni, la dottoressa monzese in prima linea al Campus Bio-Medico

La realtà del Campus Bio-Medico però non è solo romana e milanese, ha soci in tutta Italia e nel suo Dna ha anche un’importante componente monzese. Fin dalla nascita del Campus, 25 anni fa, la dottoressa monzese Rossana Alloni (nella foto) lavora attivamente al progetto. «Sono nata e cresciuta a Monza, nel quartiere San Biagio, dove ancora oggi ho parte della mia famiglia» racconta la dottoressa. «Dopo la laurea in medicina a Milano, iniziata la specializzazione in chirurgia, mi hanno proposto di entrare a far parte di questa avventura del Campus bio-medico, ancora prima che aprisse ufficialmente al pubblico. Nel 1992 mi sono trasferita a Roma e quest’anno il Campus festeggia i 25 anni». Rossana Alloni è oggi Professore Associato di chirurgia all’Università Campus Bio-Medico di Roma, in questa struttura che è anche un centro di formazione e insegnamento. Inoltre è primario di chirurgia e direttore clinico dell’ospedale.