Fra Meda e Ac Desio è successo davvero di tutto… Tanto che un giocatore è stato espulso dall’arbitro per un bisogno fisiologico.

L’episodio

Domenica si è giocata, per la prima giornata di ritorno, la partita fra Meda e Ac Desio, partitissima del girone B di Prima categoria. Il primo tempo è una sinfonia degli ospiti che si portano sullo 0-2 nei confronti della capolista. Prima dell’intervallo però capita l’imponderabile: Francesco Marone, attaccante di qualità del Desio, in panchina a disposizione del tecnico Serlenga, deve rispondere al richiamo della natura e si avvicina alla recinzione del campo per espletare il bisogno. Il direttore di gara, Cicirata della sezione di Bergamo, lo vede e lo punisce.

Rosso!

Il comportamento di Marone è “non regolamentare” e l’arbitro espelle il giocatore. Il Desio deve così rinunciare a una pedina importante che avrebbe potuto pesare nel corso del secondo tempo, frazione che vede la capolista Meda ribaltare completamente la situazione. I bianconeri di mister Cairoli ribaltano infatti la situazione mentre Marone, 10 gol in campionato finora, è costretto a osservare l’andamento della partita dagli spogliatoi. “L’episodio carica invece il Meda che accorcia le distanze con una zuccata di Parravicini. Ormai la partita è girata, gli ospiti accusano il colpo a livello mentale e di fatto si spengono”, scrive la società desiana in sede di commento alla partita. E, vista l’espulsione, Marone dovrà star fuori almeno per una partita. La squalifica sarà infatti inevitabile e verrà certificata con il Comunicato ufficiale in uscita nelle prossime ore.

Leggi anche:  Netta vittoria dei padroni di casa nel derby Busnago Roncello

La situazione di campionato