Arianna Errigo fioretto e sciabola Tokyo 2020.

Arianna Errigo fioretto e sciabola

La campionessa monzese sogna di partecipare alle prossime Olimpiadi con la doppia specialità. La volontà di provare a lottare per il podio in due armi, un’impresa titanica, con un pizzico sicuramente di follia, ma che ora non è assolutamente un miraggio, ma una cosa concreta e che può essere realizzata.

Amore e un pizzico di follia

Non ha mai smentito il suo piacere verso la sciabola. E spesso si è cimentata anche in questa arma. Di recente, inoltre, ha comunicato di voler partecipare anche alla Coppa del Mondo. Un po’ di follia, anche perché non è mai successo – tranne in un lontano passato – che qualcuno riuscisse ad essere competitivo con due armi.

Protagonista assoluta nel fioretto

Nel fioretto Errigo è una delle grandissime protagoniste da anni. Mentre nella sciabola partiva assolutamente dalle retrovie. L’azzurra si è allenata molto e ha mostrato progressi incredibili, riuscendo a raggiungere anche un piazzamento nei quarti di finale.

Leggi anche:  Under 17 Monza beffata dal Prato

Straordinario secondo posto

Il capolavoro della schermitrice è arrivato verso la fine dell’anno. Nel Grand Prix di Cancun Errigo si è spinta fino ad uno straordinario secondo posto, battuta solamente in finale dall’ucraina Olga Kharlan. Il prossimo anno sarà ancora più difficile perché è quello della conferma. Bisognerà attendere il primo vero test tra Europei e Mondiali, soprattutto nella gestione dello sforzo. Un piccolo esame verso quel sogno chiamato Olimpiadi di Tokyo 2020.