La bellissima avventura di Riccardo, 8 anni, portiere dei pulcini dell’Inter. Da Carnate tre volte a settimana, dopo la scuola, raggiunge il campo di allenamento a Milano.

Nei pulcini dell’Inter sognando Handanovič

Riccardo, 8 anni, è nato il 28 gennaio 2009, lo stesso giorno di Gigi Buffon. Anche se il portiere della Juventus non è il suo vero idolo. Lui tifa Handanovič, estremo difensore della sua squadra del cuore, oltre che quella che ha deciso di adottarlo e crescerlo. L’Inter.

Il tesseramento

Riccardo Fumagalli ha ottenuto pochi giorni fa la tessera ufficiale di portiere dei pulcini.

La sua avventura è iniziata due anni fa. Aveva da poche settimane iniziato a giocare nella Vi.Be, vicino a casa sua, a Carnate. Quando un giorno un osservatore lo ha notato in campo, apprezzandone carattere e doti atletiche. Da quel momento ha iniziato ad allenarsi a Interello, a Milano, dove lòa società ospita il settore giovanile. Tre allenamenti in settimana dopo la scuola. Il sabato la partita di campionato e la domenica i tornei in Italia e all’estero.

Per lui fare il portiere è il massimo

“E’ il suo sogno – racconta il papà Simone – E’ giusto che lo segua fin dove lo porterà. Ha sempre amato i guantoni. Io volevo che facesse il centrocampista ma non c’è stato verso di convincerlo. Per lui fare il portiere è il massimo”.

Leggi anche:  Il Giro d’Italia 2018 arriva in Lombardia

Un sogno. Una sfida. E un grande impegno. “Il calcio lo impegna praticamente ogni giorno. E anche nel fine settimana tra partite e tornei lo seguiamo ovunque – racconta il papà. Poco prima di Natale siamo stati in Francia per un torneo internazionale. Riccardo e la squadra si sono classificati terzi e le avversarie erano di tutto rispetto: Benfica, Paris Saint Germain e molte altre società di livello”.

Sulle orme del nonno

Riccardo vuole fare il portiere sulle orme di nonno Luigi. Anche lui interista, anche lui portiere, con un passato nelle giovanili dell’Inter. Senza dimenticare l’importanza e l’impegno nella scuola.

“E’ un bimbo sveglio. In terza elementare se la cava alla grande. Sono sicuro che riuscirà a portare avanti entrambi gli impegni con successo” conclude il papà.