Il Renate gioca bene, ma il sorriso è del Padova.

Punizioni fatali

Capolista subito in vantaggio con il brianzolo Guidone, a segno di testa sugli sviluppi di una palla inattiva. Il Renate reagisce e gioca alla pari con i padroni di casa. Prima dell’intervallo però i biancoscudati, sospinti da un pubblico discretamente numeroso (4500 spettatori non sono pochi per una partita iniziata alle 18.30), raddoppiano. Questa volta è Contessa a battere Di Gregorio, direttamente su punizione.

Ripresa di cuore

Nella ripresa il Renate la riapre con Pavan, assistito dal neoentrato Piscopo. I brianzoli costringono il Padova sulla difensiva, ma quella di Bisoli è squadra esperta, che sa come gestire finali di gara di questo tipo. Così i brianzoli non riescono più a creare occasioni significative, chiudendo anche in 10 per l’espulsione di Teso.

Il tabellino

PADOVA – RENATE 2-1
PADOVA: Bindi, Cappelletti, Ravanelli, Trevisan, Contessa, Serena (26′ st De Risio), Pinzi, Belingheri; Candido (44′ Pulzetti), Guidone, Capello (26′ st Marcandella). A disposizione Burigana, Merelli, Mandorlini, Chinellato, Zambataro, Mazzocco, Tabanelli, Cisco, Zivkov. All. Bisoli.
RENATE: Di Gregorio; Anghileri, Di Gennaro, Teso, Vannucci; Simonetti, Pavan, Palma; Ungaro (1′ st Piscopo), Gomez, Finocchio (36′ st Mattioli). A disposizione Cincilla, Savi, Lunetta, Malgrati, Musto, De Micheli, Fietta. All. Cevoli.
ARBITRO: Dionisi di L’Aquila.
RETI: 9′ Guidone (P), 42′ Contessa (P), 12′ st Pavan (R).
NOTE: espulso Teso (R) al 48′ st per proteste, ammoniti Pinzi (P), Di Gennaro (R). Calci d’angolo 1-4. Recuperi 2’+3′. Spettatori 4500 circa.

Leggi anche:  Lesmo e Villasanta: tutto in gara-3

La situazione

La classifica dopo la 20esima giornata. Padova 37, Renate 30, Sambenedettese e Feralpisalò 29, Reggiana e Albinoleffe 26, Triestina, Pordenone e Sudtirol 25, Fermana 23, Gubbio e Bassano 22, Teramo, Mestre, Vicenza e Ravenna 21, Santarcangelo 16, Fano 13. Il girone B di serie C torna in campo venerdì 29 dicembre. Il Renate se la vedrà con la Feralpisalò, a Meda.