Ancora una partita a porte chiuse per il Seregno Calcio.

Nessun progresso

La situazione dello stadio Ferruccio e delle gare interne del Seregno resta quindi la medesima. L’impianto seregnese resta quindi chiuso al pubblico, come già successo nelle scorse settimane. Nessun sostenitore, o semplice appassionato, potrà quindi assistere alla partita che gli azzurri giocheranno sabato, in anticipo, contro il Chieri.

Partita importante

Per la squadra di Andreoletti e del presidente Castella quella di sabato (inizio alle 14.30) potrebbe rappresentare la gara della svolta. Il Seregno arriva da quattro risultati utili consecutivi, una vittoria e tre pareggi, e un’ulteriore uscita positiva potrebbe rilanciare le quotazioni degli azzurri, attualmente terz’ultimi in classifica. Anche in questa occasione però, i giocatori brianzoli non potranno contare sul sostegno dei propri sostenitori, costretti fuori dai cancelli del Ferruccio. Nei giorni scorsi si era parlato di possibili stadi alternativi (Lissone?), ma la situazione non si è sbloccata.

Le scuse del Seregno

Le due società potranno far entrare al massimo 35 persone autorizzate in precedenza. “Chi non sarà presente nell’elenco del Seregno Calcio non potrà entrare allo stadio”, fa sapere il sodalizio cittadino. “Chiediamo scusa ai nostri tifosi – dice l’amministratore delegato Matteo Fraschini – Abbiamo provato a chiedere altri campi, ma non siamo riusciti a trovare una soluzione alternativa”.