Frodavano il fisco con la fantasia di Walt Disney e per cercare di occultare le prove dei loro raggiri, avevano caricato quintali di carta su una ruspa e su un camion per farli sparire. (Leggi qui e qui )

Operazione «Domus Aurea»: numeri e reati contestati

Ventuno arresti, 28 sequestri tra immobili (anche ville in Sardegna e appartamenti a Courmayeur), terreni e quote societarie, oltre 100 militari in campo, 42 società finite nel mirino della Finanza e della Procura. In carcere, tra gli altri, l’imprenditore edile, Giuseppe Malaspina, vimercatese, considerato dagli inquirenti il «Deus ex machina».

Sono questi i numeri dell’operazione «Domus Aurea», un’indagine della Gdf e della Procura di Monza partita nel 2014 dopo un esposto su un’operazione immobiliare del 2010 a Correzzana.

Nove persone in carcere, dodici ai domiciliari

Nove persone in carcere, dodici ai domiciliari, una con l’obbligo di dimora, cinque con obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria. Infine, tre, tra i quali di fratelli di Giuseppe Malaspina, con il divieto di esercitare l’attività professionale per un anno.
Diversi i nomi di spicco raggiunti dai provvedimenti cautelari della Procura della Repubblica di Monza nell’ambito dell’operazione «Domus Aurea».

Tra gli arrestati due professionisti arcoresi

In cima all’elenco di chi si trova già in carcere c’è Giuseppe Malaspina, 65 anni a luglio, che vive ad Arcore. Con lui è dietro le sbarre anche un altro arcorese molto noto.

Si tratta di Gerardo Perillo, 68enne, avvocato consigliere di Malaspina, che prestava servizio alla sezione fallimentare del Tribunale di Monza.

Leggi anche:  Candy, accordo approvato: nessun licenziamento

Perillo è padre di Giuliana Perillo, ex assessore al Arcore sia con la Giunta di centrodestra di Marco Rocchini (dal 2006 al 2011), che con quella di centrosinistra di Rosalba Colombo, attualmente in carica, durante il primo mandato 2011-2016.

In carcere anche il marito dell’ex assessore, Antonio Ricchiuto, 41 anni, di Lesmo, commercialista e consulente di Malaspina.

Gli altri arrestati

Altro volto noto finito dietro le sbarre è quello di Giorgio Spinelli, 61 anni, di Usmate Velate, anche lui considerato un braccio destro di Malaspina.

Chiudono l’elenco di coloro che si trovano in carcere, Claudio Enrico Cimnaghi, 54 anni, geometra di Seregno; Cesare Croce, 70 anni, architetto di Triuggio; Leandra Fabiola Sclapari, 43 anni, avvocato di Desio; e Salvatore Tamborino, 48 anni, commercialista della provincia di Bologna.

SUL GIORNALE DI VIMERCATE E DI MONZA IN EDICOLA STAMATTINA UN AMPIO SPECIALE CON TUTTI I NOMI DEGLI ARRESTATI E LA RICOSTRUZIONE DELLE INDAGINI PORTATE AVANTI DALLE FIAMME GIALLE

 

LEGGI TUTTI GLI ARTICOLI 

DA GIOVANE GANGSTER A POTENTE COSTRUTTORE: CHI E’ GIUSEPPE MALASPINA

I DETTAGLI DELL’OPERAZIONE

FRODAVANO IL FISCO CON LA FANTASIA DI WALT DISNEY

IN MANETTE L’EX MAGISTRATO GERARDO PERILLO

L’INCHIESTA NATA DA UNA SEGNALAZIONE DI UNA LISTA DI OPPOSIZIONE DI CORREZZANA