Da cinema a supermercato. Ma mantenendo lo stesso nome, Maestoso. Verrà inaugurato mercoledì – il 4 dicembre – e aperto al pubblico il giorno successivo – giovedì 5 dicembre – il nuovo supermercato Iper “Monza Maestoso”, realizzato dal Gruppo Finiper laddove un tempo c’era una delle sale cinematografiche più amate della città.

Dopo un anno di lavori – “un tempo record, soprattutto per l’Italia”, come ha commentato il patron del Gruppo Marco Brunelli – la struttura di via Sant’Andrea, nel quartiere Cazzaniga a Monza, è dunque pronta ad accogliere i primi clienti.

“Per noi è motivo di grande soddisfazione e orgoglio veder rinascere il Maestoso – ha esordito il sindaco Dario Allevi – Per generazioni di monzesi è stato un vero e proprio punto di riferimento, un simbolo, il luogo in cui le compagnie di ragazzi si ritrovavano, la mia compresa. Sono felice che il Gruppo abbia voluto mantenere il nome originario. E sono anche felice del fatto che questa è la prima area dismessa che andiamo a recuperare in questi due anni e mezzo alla guida della città”.

Da quando aveva chiuso i battenti, salvo due tentativi di tenerlo in vita (con una palestra e un ristorante che avevano rapidamente rinunciato), l’area era rimasta in balìa del degrado. Episodi di vandalismo, ma non solo. I residenti avevano più volte segnalato come, all’interno della struttura divenuta fatiscente, dormissero i clochard. Ora, però, il Maestoso è pronto per la sua seconda vita.

Leggi anche:  Incidente in moto, traffico in tilt - FOTO

“E’ un nuovo concept che vuole coniugare le istanze del quartiere con quelle commerciali ad ampio respiro – ha proseguito l’assessore all’Urbanistica Martina Sassoli – Sono stati 12 mesi di lavoro straordinario e deve rimanere un modello di sviluppo per la nostra città”.

Ecco come sarà

Supermercato (che darà lavoro a 170 persone) ma non solo. La struttura vedrà la presenza di ristoranti, ma anche di un centro Humanitas. Realizzato in vetro e acciaio (“Su ispirazione dei mercati al coperto di fine Ottocento”, come hanno spiegato gli architetti che si sono occupati del progetto), vedrà la presenza di un complesso sistema di videosorveglianza.

“Ci sono 200 occhi elettronici che sono stati integrati nella struttura – ha spiegato Alessandro Marangoni, ex prefetto oggi direttore della Sicurezza per Iper – Nessuna telecamera sarà visibile. Saranno in funzione 24 ore su 24. Ci sarà anche una tecnologia, tutta italiana, per il rilevamento delle targhe che saranno a disposizione delle forze di Polizia”.

Altro capitolo è quello legato ai parcheggi che saranno circa 400. Le prime due ore saranno gratuite, poi scatteranno le tariffe convenzionate. Saranno fruibili dalle 7 fino all’1 di notte.