Metropolitana lilla a Monza, giovedì se ne parla in Villa Reale. Appuntamento il  29 novembre, alle 16.30, con una seduta aperta del Consiglio comunale dedicata alle “Iniziative relative alla realizzazione del prolungamento della metropolitana M5”.

Metropolitana lilla a Monza

La riunione si terrà nel Salone d’onore della Villa Reale di Monza. Oltre ai consiglieri monzesi, la seduta è stata aperta ai colleghi del Consiglio comunale di Milano. Sicura la presenza del sindaco meneghino Giuseppe Sala, del presidente dell’assise Lamberto Bertolè e dei capigruppo consiliari del capoluogo lombardo.
Il sindaco Dario Allevi ha invitato anche le delegazioni dei Comuni attraversati dal tracciato dell’infrastruttura: Cinisello Balsamo sarà rappresentato dal sindaco Giovanni Ghilardi, dal suo vice Giuseppe Berlino, dall’assessore alla Viabilità Enrico Zonca e dal presidente del Consiglio comunale Luca Papini. Il Comune di Sesto San Giovanni parteciperà con il sindaco Roberto Di Stefano, l’assessore alla Viabilità Antonio La Miranda e il presidente del Consiglio comunale Giovanni Fiorino. Interverrà alla seduta aperta anche il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana.
Sulla necessità del prolungamento della M5, che a Monza dovrebbe prevedere altre due fermate, oltre a quelle già previste in un primo tempo: la prima all’altezza della stazione ferroviaria, l’altra in centro. A Monza le stazioni sarebbero in totale dunque sette: lungo viale Campania, via Marsala, in Stazione, in piazza Trento, in Villa Reale, al San Gerardo e al Polo istituzionale.  Dai 12 chilometri attuali si passerebbe a 26 chilometri di tratta. Quattro le  stazioni previste sul territorio di Cinisello Balsamo

Qualche settimana fa l’associazione HQMonza aveva lanciato l’allarme nel timore che si perdessero i finanziamenti e quindi l’opera si allontanasse. La convocazione del Consiglio comunale aperto a tutti gli Enti interessati dovrebbe però fugare ogni dubbio. L’Amministrazione comunale monzese ha ben presente l’importanza di questo intervento, aspettava l’arrivo del progetto per stringere i tempi.