Posto sotto sequestro amministrativo dalla Polizia locale un furgone, con targa polacca, usato come «corriere delle badanti», perchè sprovvisto delle autorizzazioni internazionali del trasporto di merci.

Sequestro a Muggiò

Il fatto è avvenuto giovedì mattina, intorno alle 11. Gli agenti del Comando di Muggiò durante il normale servizio di controllo del territorio hanno fermato un mezzo che all’interno custodiva il carico di pacchi e valige: regali, giochi, vestiario, ma anche denaro che le badanti residenti in diversi Comuni avevano affidato al trasportatore, pronto per uscire dai confini del Belpaese.

Corriere delle badanti

Il conducente era privo delle necessarie autorizzazioni per il trasporto internazionale di merci e la patente di guida presentava delle irregolarità. Pertanto il mezzo è stato sottoposto a sequestro amministrativo per tre mesi e il conducente sanzionato. Il carro attrezzi ha provveduto alla rimozione del furgone e le badanti, arrivate anche dai Comuni limitrofi si sono presentate in piazza Matteotti per riprendere i loro pacchi.
I controlli e i fermi dei pullmini delle badanti non sono una novità, ma avvengono di frequente proprio in virtù della verifica del possesso dei requisiti necessari per il trasporto delle merci fuori e dentro l’Italia, come impongono le leggi.

Leggi anche:  Ha il figlio è Down, nessuno la assume

Cosa prevede la legge

Dal gennaio 2016 è stato reintrodotto l’obbligo della lettera di vettura internazionale per qualsiasi tipo di trasporto, sia esso in conto proprio o in conto terzi, indipendentemente che avvenga in regime liberalizzato o meno. In molti casi le badanti affidano i propri pacchi ai trasportatori basandosi semplicemente sulla parola e sulla fiducia e quindi senza una tracciabilità della merce.
Le sanzioni in caso di mancanza o irregolarità nei documenti, sono pesanti, fino a 4.130 euro con fermo amministrativo del mezzo per tre mesi.