A Meda carabinieri porta a porta contro le truffe.

Al via la campagna contro le truffe

Una vera e propria campagna anti-truffe, per mettere in guardia le possibili vittime con manifesti, volantini, adesivi, “lezioni” al Centro anziani o dal pulpito e addirittura andando porta a porta. E’ l’iniziativa avviata a carattere sperimentale dalla Compagnia dei carabinieri di Seregno, che ha promosso un’attività di collaborazione tra i Carabinieri della stazione di Meda, coordinati dal luogotenente Giuseppe Vantaggiato, e l’Amministrazione locale, in particolare attraverso l’Anagrafe e i Servizi sociali del Comune. Un progetto inserito nell’ambito della prevenzione delle truffe, per evitare che i soggetti più fragili, anziani ma non solo, cadano nella rete dei malfattori.

Carabinieri porta a porta

Attraverso gli Uffici comunali è stato infatti effettuato uno screening dei cittadini in fascia debole, per mettere in campo azioni mirate a raggiungere quelle persone che (anche a causa di problemi motori o, più semplicemente, isolamento e solitudine) non hanno mai avuto la possibilità di assistere agli incontri informativi sul fenomeno che periodicamente l’Arma dei carabinieri effettua nei principali centri di aggregazione degli anziani (chiese, locali parrocchiali, Centro anziani). Nelle scorse settimane i Carabinieri hanno già incontrato un centinaio delle 4mila persone che rientrano nella fascia d’interesse, per fornire utili indicazioni su come non lasciarsi raggirare. Al di là della spiegazione nel dettaglio delle varie tipologie di truffa messe in atto, con il contatto diretto e personale si cercherà di trasmettere un unico concetto, semplice ed efficace ma risolutivo: “Non aprire mai la porta di casa a chi non si conosce” e in caso di dubbio, chiamare sempre il 112.

Leggi anche:  Influenza 2019: la Regione stanzia 400mila euro per aumentare i posti letto in Brianza