Riccardo Pelucchi e Piermario Galli hanno incontrato la cittadinanza allo speciale faccia a faccia promosso dal Giornale di Seregno e andato in scena nell’auditorium Sanvito della Bcc di Barlassina. L’incontro tra i due candidati sindaco di Barlassina si è svolto a poco più di una settimana dal voto, con i due aspiranti alla poltrona che non si sono risparmiati frecciatine.

Nuova Barlassina vs Insieme per Barlassina

“La nostra lista ha sempre avuto l’appoggio del Pd locale, ma anche di tanti amici di altri schieramenti che condividono idee e beni comuni” afferma Galli, primo cittadino uscente e appoggiato da Insieme per Barlassina. “La nostra è una lista che racchiude le forze di centro-destra e anche indipendenti – dichiara Pelucchi (Nuova Barlassina) – uniti per raccogliere voti? No, abbiamo lavorato insieme da cinque anni, presentando e condividendo mozioni all’opposizione”. Ma mentre Galli avrebbe già chiara la propria squadra, con la conferma degli assessori uscenti Daniela Morisi e Stefania Terraneo (rispettivamente per Sociale e Istruzione) e la nomina di Luigi Romano (Sicurezza) e l’esterno Gigi Galli (Urbanistica), Pelucchi preferisce “attendere le votazioni, anche per valutare le preferenze. Tutti nella squadra hanno grandi competenze”.

Caos Allocchio Bacchini

“Giù le mani dall’Allocchio Bacchini”. E’ uno dei punti presenti nel programma del sindaco uscente Piermario Galli, che non è piaciuto particolarmente a Pelucchi e ai suoi sostenitori. “Mi sento offeso. Sono anni che dovreste pianificare quell’area, che fa parte tra l’altro del territorio di Seveso. Significa che con Seveso non avete avuto dialogo in tutti questi anni” tuona William Ricchi, ex consigliere, dalla platea. “Quando c’è stato l’interesse di acquistare l’area per 1,5 milioni di euro mentre il suo valore è in realtà corrispondente a 7 milioni, la preoccupazione del sindaco è sorta subito, anche se l’area appartiene alla Fondazione Porro, il cui Cda è scelto dal sindaco ma è totalmente indipendente. Credo che sia normale preoccuparsi di fronte a una tale svalutazione” replica Galli.

Tante frecciatine

Ma il tema Allocchio Bacchini non è stato l’unico su cui i candidati hanno avuto da dissentire nel corso del faccia a faccia. “L’asilo nido è un nostro punto chiave del programma e ci è stato copiato e non è stato messo agli atti. Noi giochiamo a carte scoperte” accusa Pelucchi. “E’ da tempo che lavoriamo con Fondazione Porro a questo tema, io presenterò un programma da 130 punti, il tuo avrà 6 punti su 12 non realizzabili” la replica di Galli. Ma anche per quanto riguarda la sicurezza e le associazioni sono volate accuse: “Il fatto di essere rimasti per mesi con un solo agente di Polizia locale oltre al comandante è da attribuire ad una vostra errata valutazione – dichiara Pelucchi – mentre non mi è piaciuto che il sindaco attuale abbia chiesto l’appoggio e il sostegno pubblico di componenti di associazioni che fanno parte anche dei direttivi”.

Leggi anche:  Auto, bici e moto d'epoca a Busto Arsizio VIDEO

Rispetto e regali

Ma nel corso della serata non sono volate solo accuse. Ci sono state anche parole di rispetto reciproco e temi dove entrambi i candidati si sono detti d’accordo, fino alla simpatica conclusione dello scambio dei regali. “Credo che una delle prime cose da fare appena eletto sia il piano di diritto allo studio” sentenzia Galli, trovando l’appoggio di Pelucchi, che aggiunge “Mi piace molto l’idea del fotovoltaico nelle scuole presente nel suo programma”. “Mi trova d’accordo intervenire al parco Ex Tiro a Segno per riqualificarlo come sostiene il programma di Nuova Barlassina”. Parole di stima sono arrivate da Galli: “Stimo Riccardo, come già ho avuto modo di dire. In questi anni ci siamo sempre confrontati per il bene di Barlassina. Abbiamo la fortuna che il confronto è sempre stato nel massimo rispetto possibile, pur non condividendo le stesse idee”. Pelucchi: “Ammiro molto la sua naturalezza quando parla, ma dovrebbe giocare a carte un po’ più scoperte”. I due poi hanno provveduto allo scambio dei regali: “Ho deciso di regalargli un selfie-stick, un bastone per gli autoscatti, visto quanto Piermario ama farsi i selfie”. “Data la grande passione per i fumetti ho deciso di regalare a Riccardo un libro speciale di una nostra concittadina, ‘Non stancarti di andare’ di Teresa Radice e Stefano Turconi“. Entrambi i regali sono stati molto apprezzati e il tutto si è concluso tra sorrisi, scambi di auguri e strette di mano dopo aver compilato un pronostico sulle elezioni, consegnato in busta chiusa al comandante della Polizia locale Giovanni Ranno.