Besana ha accolto le reliquie di San Giovanni Paolo II. Questo pomeriggio, domenica, l’arrivo in una Basilica romana minore gremita di fedeli. Quella iniziata oggi è una settimana dal forte valore spirituale per la comunità di Santa Caterina, che si concluderà domenica 16 settembre.

Le reliquie accolte dai fedeli in Basilica

Alle 17,30, il decano, don Sergio Stevan, ha consegnato alla comunità besanese le reliquie di papa Wojtyła, giunte da Giussano. Ad attenderle in piazza Eugenio Corti c’erano il parroco, don Mauro Malighetti, i sacerdoti della comunità pastorale, il decano Renato Corbetta, i chierichetti e un gruppo di fedeli (la gran parte aveva già preso posto all’interno della Basilica).

Il sangue prelevato per un intervento

Le reliquie di San Giovanni Paolo II sono il sangue che gli era stato prelevato nelle ultime settimane di vita, in vista di un intervento purtroppo poi non eseguito per il progressivo peggioramento delle sue condizioni di salute.

“C’è poi un libro aperto. Simbolo del Vangelo che era stato posato sopra la bara del Pontefice, il giorno del suo funerale”, ha spiegato don Stevan. Chi non ricorda le pagine girate dal vento per l’intera durata della cerimonia? Era l’8 aprile del 2005.

“E lo zucchetto che il Papa portava – ha continuato il decano – Sono segni che ci ricordano la sua santità”.

“Mi sono affidato a Lui e ho ricevuto la Grazia”

“Mercoledì sono partito da Giussano verso Roma”, ha affermato don Sergio Stevan. “Ad accompagnarmi una brutta notizia che riguardava una persona. Ho pregato tanto, mi sono affidato a San Giovanni Paolo II. Appena ritirate le reliquie, ho ricevuto la Grazia”.

Leggi anche:  Besana, investe una barista e scappa: è caccia al pirata

Le reliquie resteranno a Besana fino a domenica

I fedeli potranno riunirsi in preghiera davanti alle reliquie con il sangue di San Giovanni Paolo II fino a domenica 16 settembre. Da domani, lunedì, a venerdì, in Basilica sono previste celebrazioni eucaristiche tutti i giorni: alle 6,30, alle 8,30, alle 15,30 e alle 21. L’ultima della giornata, ogni volta dedicata a gruppi diversi: catechiste, lettori e gruppi liturgici, Movimento alla vita e mamme in attesa, Consiglio pastorale e Consiglio affari economici. Per finire venerdì con i ragazzi, guidati nello sguardo verso il Signore da don Fabrizio Vismara.
Mercoledì pomeriggio le reliquie raggiungeranno la residenza San Camillo alla Visconta. Lo stesso avverrà giovedì, quando varcheranno l’ingresso della casa di riposo «Giuseppina Scola» .
Sabato 15, l’Eucarestia delle 17 sarà presieduta da monsignor Luigi Stucchi. Domenica, alle 11, la messa solenne e la preghiera di intercessione conclusiva. Nel pomeriggio, la preghiera personale fino alla mesa delle 18.