Besanino, Rfi apre il portafoglio per i passaggi a livello. Confermato l’impegno per 650 mila euro di investimenti straordinari sulla linea S7. E’ quanto è stato annunciato nel corso dell’incontro di ieri, mercoledì, tra il consigliere regionale della Lega Alessandro Corbetta e i vertici regionali di RFI. Presente anche Alberto Viganò, portavoce dei pendolari del Besanino e lo staff di Mauro Piazza (Forza Italia).

Besanino, Rfi apre il portafoglio per i passaggi a livello

Investimenti per il Besanino

L’incontro si è svolto ieri pomeriggio a Milano, nella sede di Rete Ferroviaria Italiana.

“Rfi ha confermato l’impegno per 650 mila euro di investimenti straordinari sulla linea S7 per risolvere i problemi dei passaggi a livello entro un anno” ha dichiarato il consigliere Corbetta. “Mezzo milione di euro servirà per sostituire i sistemi di trasmissione e i cavi, mentre 150mila euro per la sostituzione o la riparazione delle casse di manovra.

Per quanto riguarda gli investimenti sulle infrastrutture –  ha continuato – sono inseriti nella pianificazione 16,6 milioni di euro con attuazione dei lavori a partire dal 2020. La copertura finanziaria è prevista nell’ambito del Contratto di Programma-Investimenti 2017-2021 il cui iter approvativo è in corso. Si tratta di importanti interventi di ammodernamento della linea, per garantire sicurezza e puntualità ai treni. Entro la prima metà del 2019 verranno prolungate le banchine in diverse stazioni della tratta, per circa 3,5 milioni”.

Leggi anche:  Cimice asiatica: danni enormi alle coltivazioni

“Ho ricevuto un’ampia disponibilità da parte di Rfi”

“Ho ricevuto un’ampia disponibilità di Rfi in merito all’individuazione delle priorità di investimento sulla linea per i prossimi anni, finalizzate a migliorare il servizio, diminuire i tempi di percorrenza ed eliminare i passaggi a livello tramite la realizzazione di sottopassi ferroviari”, ha assicurato il leghista. “Proprio su questo lavorerò insieme agli altri consiglieri, al comitato pendolari e ai sindaci per mettere nero su bianco le istanze del territorio e sottoporle a Rfi” .

Polizia locale nelle stazioni

I direttori regionali di Rfi si sono inoltre dimostrati aperti alla mia proposta di inserire uffici e comandi della Polizia Locale all’interno delle stazioni ferroviarie – ha concluso Corbetta – con l’obiettivo di aumentare la sicurezza per i pendolari e per gli operatori del trasporto pubblico. Su questo ultimo fronte sarà mio preciso impegno cercare di coinvolgere le Amministrazioni comunali che potrebbero essere interessate a questa iniziativa”.