Una location unica, come quella di Villa Borromeo ad Arcore, per una mostra di oltre 150 fotografie che parlano di volti, storie, emozioni e tanta accoglienza portata avanti in questi anni dal  Comitato Chernobyl della Brianza. LEGGI QUI

La galleria fotografica dell’inaugurazione della mostra

Oltre 150 fotografie che raccontano storie di accoglienza

La mostra fotografica è stata inaugurata ieri mattina, domenica, alla presenza dell’assessore alla Cultura Paola Palma, del presidente del Comitato Chernobyl Milena Tisiot e delle tante famiglie che hanno ospitato in questi anni i piccoli provenienti dalla Bielorussia.

Ma c’erano anche i ragazzi delle scuole superiori che negli anni scorsi hanno portato avanti un progetto per l’alternanza scuola lavoro realizzato accanto ai volontari e ai bambini che vengono ospitati ogni anno.

All’interno dell’esposizione fotografica  vengono raccontate le esperienze delle famiglie che ogni anno accolgono i piccoli ospiti in arrivo dalle zone segnate dal disastro nucleare del 1986.

L’ospitalità in mostra

“Questa non è una mostra fotografica sull’incidente nucleare di Cernobyl, ma la rappresentazione, attraverso immagini e parole, di sentimenti, sensazioni, stati d’animo, gioie, preoccupazioni e dolori dell’ospitalità che ogni anno viene portata avanti da tante famiglie brianzole, tra le quali molte di Arcore – hanno dichiarato i vertici del sodalizio guidato da Milena Tisiot – Dalla “contaminazione materiale” che si è manifestata con le più tragiche conseguenze dopo l’incidente nucleare, è scaturita un’altra contaminazione, non più materiale e dalle caratteristiche positive. I petali del fiore dell’ospitalità hanno arricchito la vita dei genitori, dei figli e della casa, lasciando un profumo che non scorderemo”.

Giornale di Vimercate media partner della mostra fotografica

Si tratta di una mostra che vede in prima linea anche il Giornale di Vimercate, media partner dell’evento. Presente all’inaugurazione dell’evento il nostro giornalista Rodrigo Ferrario.

Leggi anche:  E' tempo di open day all'asilo San Giuseppe di Arcore

Sarà possibile visitare la mostra anche in settimana, previa prenotazione, oppure sabato e domenica dalle ore 10 alle 18.

Il disastro nucleare

Sono passati quasi 33 anni dalla tragedia di Cernobyl. Il devastante impatto dell’esplosione dell’ormai tristemente famosa centrale nucleare si fa tuttavia sentire ancor oggi sulle popolazioni del Nord dell’Ucraina e soprattutto della Bielorussia.

Da ben ventitre primavere c’è però un dinamico gruppo di “samaritani” di tutto l’Arcorese che dà tutto se stesso per dare un minimo sollievo in particolare agli sfortunati bimbi dell’ex Unione sovietica: stiamo parlando del “Comitato Cernobyl della Brianza”.

L’associazione è nata nel 1996 e da allora, ogni estate, regala a una trentina di ragazzi provenienti dalla Repubblica bielorussa un mese di vacanza in Italia, che consente loro di depurarsi un po’ dalla radioattività.