Bovisio: la giovane pakistana Memoona Safdar ha lasciato la comunità protetta dove si trovava ed è tornata a casa dei suoi genitori a Bovisio.

Bovisio: la giovane pakistana lascia la comunità e torna a casa dei suoi genitori

E’ tornata a vivere a casa dei suoi genitori, Memoona Safdar. La giovane che sarebbe stata trattenuta in Pakistan contro la sua volontà dalla sua famiglia, ha lasciato la comunità protetta dove era stata trasferita dopo il rientro in Italia ed è tornata a Bovisio Masciago a vivere con i suoi genitori.

Il caso

Il suo caso, lo ricordiamo, nelle ultime settimane era stato seguito dalla stampa locale e nazionale dopo che la giovane aveva scritto una lettera alla sua ex scuola di Cesano Maderno – l’istituto Majorana – chiedendo aiuto per ritornare in Italia a studiare e denunciando di essere trattenuta in Pakistan contro la sua volontà.

Una vicenda complessa che potete rileggere nel suo insieme a questo link e che ora sembra arrivata ad una soluzione. Definitiva o meno non è dato sapere.

Secondo quanto riportato dal sindaco di Bovisio Giuliano Soldà la situazione è in evoluzione e non è possibile stabilire con certezza se si tratti di una sistemazione temporanea o definitiva.

Leggi anche:  Nel box nascondeva cento chili di hashish, arrestato 31enne

Memoona Safdar tornerà anche a scuola

Pare però che insieme alla decisione di tornare a casa dei genitori, presa volontariamente firmando le carte per uscire dalla comunità, ci sia anche quella di ritornare a studiare. Mercoledì la giovane ha concluso le pratiche per la riammissione all’istituto Majorana di Cesano Maderno. Facile quindi che nei prossimi giorni possa tornare sui banchi di scuola.

LEGGI ANCHE: 

Trattenuta in Pakistan: arriva in Italia, incontra i genitori, ma ora è in una comunità protetta

Trattenuta in Pakistan: la 23enne arriverà in serata in Italia

Tolta da scuola e portata dai genitori a forza in Pakistan, la supplica: “Fatemi tornare in Brianza”