Sei incivili “beccati” a Besana in dieci giorni. Identificati, chiamati al comando della Polizia locale e sanzionati.

Giro di vite contro gli incivili

Dal mese di ottobre ad oggi non si sono mai fermati i controlli dei vigili guidati dal comandante Nicolò Diana e degli operai comunali, mirati a stanare chi abbandona l’immondizia o la conferisce in luoghi non adatti. In particolare nei cimiteri dove nei cassonetti riservati al verde (come ben indicato dai cartelli) c’è chi butta di tutto. Preziosi alleati nella battaglia sono le telecamere mobili che di volta in volta vengono installate nei punti critici. Negli ultimi dieci giorni hanno immortalato sei persone – una, l’ultima in ordine di tempo, con casa in città, gli altri nei paesi limitrofi – intente ad abbandonare i sacchi dell’immondizia davanti ai campisanti. Sono stati tutti convocati dalla Polizia locale e, immagini davanti, non hanno potuto far altro che ammettere la propria colpa. A loro è stata comminatala la sanzione amministrativa da 100 euro, secondo i dettami del regolamento comunale.

Leggi anche:  Ma tu non muori mai? Ti butto io dalla finestra

Sarà più semplice punire

Con la modifica del regolamento di Polizia urbana (arriverà sui tavoli del Consiglio comunale nelle prossime settimane), inoltre, sarà più agevole procedere con le contravvenzioni contro gli “sporcaccioni”. Modifica che riguarda una dozzina di articoli in tutto tra ordine pubblico, Tosap e animali. Per questi ultimi, è previsto un adeguamento alla normativa regionale oltre ad una breve disciplina per l’utilizzo dell’area sgambatura.