La troupe di Capitan Ventosa a Seregno nel bar di Alan Alboresi, che si è preso a cuore la vicenda di una disabile 12enne di Meda che non può essere raggiunta facilmente in casa dall’ambulanza per essere curata dal personale dell’Avis Meda.

Capitan Ventosa nel bar del Ceredo

Martedì mattina grande sorpresa nel bar di via Cadore a Seregno per l’arrivo della troupe televisiva di Striscia la notizia, il tg satirico di Canale 5. Nel locale in zona Ceredo è giunto il simpatico Fabrizio Fontana nei panni di Capitan Ventosa con la sua inconfondibile tuta gialla. Decine i clienti che si sono fatti fotografare insieme all’inviato di Striscia la notizia fra un caffè e una brioche.

Anche lui ha lustrato le scarpe

Capitan Ventosa  ha fatto tappa a Seregno per incontrare il titolare, Alan Alboresi, che si è improvvisato sciuscià con i clienti per sensibilizzare sul problema di una 12enne disabile. La ragazzina non può essere agevolmente raggiunta dall’ambulanza di Avis Meda nella sua abitazione di via Forlì a Meda. Anche il personaggio della televisione si è improvvisato lustrascarpe con il titolare del locale per ringraziarlo dell’inedita iniziativa di solidarietà in favore della minorenne.

Leggi anche:  A Seregno si assegna il premio Garinei e Giovannini VIDEO

L’inviato è stato anche a Meda

Dopo le registrazioni al bar, durate un paio d’ore, Capitan Ventosa è stato anche a Meda con una tappa in Comune e in via Forlì. L’intero servizio sarà trasmesso in una delle prossime puntate di Striscia la notizia. Intanto al bar è stata avviata una raccolta firme, anche Capitan Ventosa ha lasciato il proprio autografo. A Meda via Forlì, in parte privata, tuttora è sterrata e i mezzi di soccorso riescono con fatica a raggiungere l’abitazione della minorenne che necessita di cure.

L’emozione di Alan Alboresi

“E’ con grande soddisfazione che grazie al vostro splendido articolo, stamattina con la troupe di Striscia la notizia capitanati da Capitan Ventosa abbiamo girato, qui al bar, il servizio che presto andra’ in onda – ci ha scritto il titolare del locale di via Cadore – Un’esperienza indimenticabile, tanta la meraviglia della clientela che mai aveva assistito a una scena del genere. Hanno costruito un set con luci, faretti e telecamere: abbiamo provato e riprovato gli stacchetti fino alla loro perfezione con un risultato mai sperato”.