Sette incontri letterari dedicati a Carlo Porta, fantasmagorico poeta ambrosiano del ‘700.

La prima serata è in programma il 22 gennaio

Torna in cattedra il professore di Carate Brianza Antonio De Gregorio, classe 1941, docente di lettere classiche in pensione. Le serate letterarie a cadenza settimanale e aperte a tutti (inizio alle ore 21) si terranno allo «Chalet degli amici» de «Il Parco», ingresso da via Nazario Sauro a Verano Brianza. Il primo incontro è in programma martedì 22 gennaio. Gli altri sei appuntamenti sono in calendario per martedì 29 gennaio, 5, 12, 19, 26 febbraio e l’ultimo il 5 marzo. Al termine delle letture sarà offerto ai partecipanti un piccolo buffet di dolci.

«E’ l’occasione – spiega il professor De Gregorio – per chi ne ha il piacere di conoscere più da vicino un poeta straordinario e degno di essere annoverato tra i grandi della letteratura alla stregua di Parini, Foscolo e Leopardi».

Carlo Porta considerato il maggior poeta in milanese, nacque a Milano nel 1775, ultimo di tre fratelli. Studiò dai Barnabiti a Monza nel loro Collegio estivo di Muggiò (edificio in parte scomparso nel 1890 per lasciare posto alla Parrocchiale dei Santi Pietro e Paolo) fino al 1792 e successivamente al Seminario di Milano: come noto, l’ambiente religioso gli garantì una buona formazione culturale, ma instillò in lui i germi di un anticlericalismo viscerale e destinato a caratterizzare molte delle sue opere.