Carate Brianza diventerà presto un Comune “cardioprotetto”.

Carate va più veloce di Roma

Mentre a Roma ha preso forma la proposta di legge sull’obbligo di dotare di defibrillatori strutture pubbliche e luoghi di lavoro, l’Amministrazione comunale  anticipa i tempi con l’obbiettivo – dichiarato dal sindaco – di trasformare entro breve tempo Carate in un comune «cardioprotetto». All’avviso di manifestazione di interesse pubblicato nelle scorse settimane hanno già risposto due ditte. Quella che verrà selezionata («sulla base di una serie di integrazioni chieste nelle ultime ore dagli uffici») avrà il compito di rimettere in funzione e poi posizionare i primi undici dispositivi «salvavita» che erano stati donati nel settembre 2016 dalla Banca di credito cooperativo al Comune ma che erano però rimasti chiusi in un cassetto per un assurdo rimpallo di competenze che aveva fatto sollevare un autentico polverone di polemiche in seno all’ultima seduta della commissione Servizi sociali.

Altri defibrillatori da esterno verranno successivamente collocati dall’azienda che verrà individuata e che dovrà occuparsi anche della manutenzione, della cura e del loro ripristino in caso di utilizzo.

Attivato il corso per i dipendenti e personale docente

In Giunta è stata approvata  la delibera relativa alla formazione per l’abilitazione all’utilizzo dei defibrillatori semi-automatici. Il settore Servizi Sociali ha organizzato con l’associazione Croce Bianca di Besana un corso rivolto ai dipendenti comunali, al personale docente, ausiliario e di segreteria delle scuole con sede in edifici di proprietà comunale e aperto ad esponenti politici della Giunta e del Consiglio comunale.

Leggi anche:  Ambrogino d'oro alla memoria al tassista eroe travolto sulla Milano Meda

La formazione avrà una durata di cinque ore: un primo corso teorico (della durata di due ore), la sera del prossimo 11 novembre, un secondo incontro pratico (della durata di tre ore), che si svolgerà in piccoli gruppi nelle serate del 12 o 13 novembre presso la sede della scuola dell’infanzia comunale di via Agazzi. Questo primo corso non è rivolto alla cittadinanza dal momento che i defibrillatori saranno installati in edifici di proprietà comunale. Successivamente saranno organizzate altri momenti formativi aperti al pubblico quando si procederà con l’installazione di apparecchiature esterne.

Ecco dove saranno installati i defibrillatori

Gli undici Dae donati dalla Bcc di Carate Brianza troveranno posto all’interno del nido e all’asilo di via Agazzi; alla materna di via Sciesa, alla materna paritaria Santa Maria, nel palazzo vecchio e nel palazzo nuovo del Municipio, all’interno della biblioteca civica, al palazzetto dello sport e gli ultimi quattro all’interno dei plessi dell’istituto comprensivo statale (i tre della primaria: Romagnosi, Mario Lodi, Costa Lambro e alle medie «Dante Alighieri»).
«Siamo davvero soddisfatti – commenta il sindaco Luca Veggian (Forza Italia) – di avere portato a termine in pochissimo tempo un progetto di prevenzione che riteniamo di fondamentale importanza per la città e per la salute dei cittadini. L’azione amministrativa di Carate, ancora una volta, si conferma efficiente e batte sul tempo quella nazionale».

TORNA ALLA HOME.