Caso driver Amazon | L’onorevole Massimiliano Capitanio presenta interrogazione al Governo dopo le proteste innescate dai lavoratori del grande centro di stoccaggio di Burago Molgora. “Ho chiesto al Ministro del lavoro e dello Sviluppo economico come intenda agire e se, e in che termini, monitori la regolarità delle condizioni di lavoro dei driver di Amazon”.

Caso driver Amazon

Una vicenda tutt’altro che semplice quella che coinvolge i driver di Amazon, che era esplosa in Brianza, per essere precisi a Burago Molgora, – dove di recente è stato aperto un grosso centro di stoccaggio in via Galileo Galilei – per poi spostarsi a Milano, con un presidio in piazza XXV aprile nel corso del quale i fattorini hanno chiesto e reclamato migliori condizioni di lavoro. E ora la situazione dei driver è arrivata sui banchi dell’Esecutivo: Il deputato brianzolo della Lega, Massimiliano Capitanio, infatti ha presentato un’interrogazione al Ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, per far luce sulla vicenda. “La situazione è complessa – ha proseguito Capitanio – Da una parte i sindacati denunciato “rischi altissimi con carichi di lavoro disumani”, con circa 180 consegne al giorno senza rispettare l’orario di lavoro di 9 ore e un quarto, dall’altra invece l’azienda replica che per le consegne ci si avvale di piccole e medie imprese specializzate e che, attraverso i fornitori di consegna, gli autisti percepiscono salari competitivi e benefits. E’ chiaro che bisogna fare chiarezza sulla situazione”.

Leggi anche:  Polizia locale nel centro islamico di Seregno FOTO

L’interrogazione al Governo

Partendo da queste premesse, dunque, si sono creati i presupposti per l’interrogazione con cui Capitanio ha chiesto al Ministro “se e quali iniziative, nell’ambito delle proprie competenze, abbia intrapreso o intenda al più presto intraprendere per verificare la veridicità delle affermazioni di Amazon o la fondatezza delle denunce sindacali e, specificatamente, se il Ministero sia stato investito di altre segnalazioni a livello nazionale e, di conseguenza, se e in che termini il Ministero monitora la regolarità delle condizioni di lavoro dei driver di Amazon”.