L’ex senatrice del Pd (poi passata a Leu) di Desio, Lucrezia Ricchiuti, condannata per il caso della mansarda nel processo di primo grado a un anno e quattro mesi (pena sospesa). L’ex vicesindaco, accusata di concorso in abuso d’ufficio, si difende: “Credo nella magistratura” e si affida al ricorso in Appello.

Condannati il dirigente (sospeso dall’incarico) e l’ex senatrice

Condannato a un anno e 10 mesi (pena sospesa) per abuso d’ufficio Luigi Fregoni, ex dirigente dell’ufficio tecnico comunale, che da Desio si era poi trasferito a Cinisello Balsamo. La sentenza è di aprile, ma dopo la sospensione dall’incarico del dirigente, è diventata pubblica. Il caso era scoppiato nel 2016, in piena campagna elettorale per le elezioni comunali, alla vigilia del ballottaggio. Al centro della vicenda la mansarda della ex senatrice, per cui era stata richiesta una sanatoria. Nonostante il parere negativo del tecnico, la commissione edilizia l’aveva concessa, licenziando in un solo giorno la pratica, come avevano evidenziato anche le opposizioni. Un atto firmato dal dirigente, Luigi Fregoni.  Tutto era partito da una segnalazione di Claudio Fiore, con un passato nella politica desiana: “Tutta la documentazione comprovava la responsabilità penale dell’ex senatrice. Adesso i fatti mi danno ragione”.

Leggi anche:  Giussano, assemblea dei giovani padani e nomina del coordinatore provinciale

Il commento di Lucrezia Ricchiuti

“Nutro ancora la massima fiducia nella  magistratura che, nel giudizio di appello, non esiterà ad accogliere le nostre ragioni – il commento di Lucrezia Ricchiuti, affidato a un comunicato stampa –  Rimango convinta che tutti i protagonisti di questa vicenda abbiano agito con la massima correttezza e che nel nostro caso siano state applicate procedure persino più rigide rispetto a quelle applicate successivamente in casi esattamente analoghi nella nostra città e che normalmente si applicano in tanti altri comuni. Colgo l’occasione per ringraziare quanti hanno manifestato nei miei confronti la loro solidarietà”. Intanto, nella mattinata di sabato la Lega in una conferenza stampa ha annunciato che chiederà la revoca in autotutela della sanatoria per la mansarda. COMMENTI E APPROFONDIMENTI SUL GIORNALE DI DESIO IN EDICOLA MARTEDI’.