Chiave della fortuna, l’iniziativa di Natale dei Lions. I Lions e i commercianti di Cesano Maderno uniti per raccogliere fondi per la casa di riposo.

Chiave della fortuna, l’iniziativa di Natale dei Lions

Venti teche chiuse a chiave, una in un esercizio commerciale della città, e 1.200 chiavette per tentare di aprire i venti lucchetti. Torna, per la seconda edizione, “La chiave della fortuna”, l’iniziativa solidale natalizia promossa dal Lions club Cesano Maderno Borromeo. “E’ con il motto «We serve» che, con questa seconda edizione, entro la prossima primavera consegneremo il giardinetto alla Rsa Don Emilio Meani“, spiega il vicepresidente Claudio Brunetti. Il club è infatti impegnato da due anni a raccogliere fondi (ne servono 30mila) per la realizzazione di un giardinetto alla casa di riposo di via Cantù. “Sarà un’area attrezzata e protetta – aggiunge il socio Lions Oscar Greco, l’architetto promotore del service – con panchine, fiori e piante. Un piccolo angolo di verde che migliorerà la vita degli anziani ospiti della struttura”.

1.200 chiavette per aprire 20 teche

Le 1.200 chiavette, distribuite al prezzo di 5 euro, sono tutte potenzialmente vincenti. Solo venti potranno aprire il lucchetto di una teca, ma ad ognuna sarà abbinato un biglietto della lotteria benefica abbinata al concorso. In palio venti premi messi a disposizione dai venti esercizi commerciali che aderiscono all’iniziativa e un premio finale. L’estrazione sarà il 13 gennaio, dalle 14 alle 17.30, in Sala Aurora di Palazzo Arese Borromeo. “Al prezzo di 5 euro – spiega Vittoriana Dalla Longa, responsabile del service – si ha diritto a ricevere un sacchetto di tulle con all’interno la chiavetta porta fortuna, il biglietto della lotteria e il regolamento”. “Ringraziamo il sindaco Maurilio Longhin – così il vicepresidente Brunetti – l’assessore al Commercio Celestino Oltolini e il Comune di Cesano per il patrocinio alla nostra iniziativa benefica. In un momento di crisi come quello attuale ritengo molto importante il nostro service, come trait d’union con la città e occasione per sentirci ancora più vicini ai nostri concittadini”.