Per costruire la vittoria elettorale ci vuole un architetto. E lo sa bene il Movimento 5 Stelle che sabato pomeriggio, ieri,  in Villa Camperio, ha presentato il candidato sindaco di Villasanta. Lui è il 38enne architetto e libero professionista Nicola Ganino. Il candidato sindaco ha già annunciato che, in caso di vittoria elettorale, si dedicherà corpo e anima al Comune ma non a tempo pieno. “Continuerò comunque ad esercitare la mia professione”, ha esordito Ganino.

Residente a Villasanta dal 2008

Milanese di nascita, brianzolo di adozione e residente a Villasanta dal 2008, ha le idee chiare: per conquistare il Comune e strappare la guida di Villasanta al centrosinistra di Luca Ornago ci vogliono proposte concrete in tutti gli ambiti: politiche ambientali, rinascita del centro storico, più partecipazione dei cittadini e, perchè no, anche vacanze assistite per gli anziani. La prima uscita di Ganino in Villa Camperio è stata battezzata dalla presenza di due big del M5S: il senatore Gianmarco Corbetta ed Eleonora Evi, europarlamentare in Commissione Ambiente.

Gli altri candidati in lista

Durante l’incontro sono stati presentati altri candidati nella lista M5S. Sono Renata Rossi (che nella stesura del programma si è occupata di scuola e famiglia), Marcello Visalli (bilancio e fondi europei), Mattia Burro (giovani e cultura), Luca Calvi (ambiente), Giovanni Palugan (associazioni e sostenibilità energetica) e Isidoro Nicastro (trasporti e viabilità).

Attrarre, attrarre, attrarre.

Attrarre. Questa è stata la parola  più utilizzata dall’archietetto durante il suo discorso di presentazione della candidatura.
“Villasanta deve diventare un polo attrattivo sotto tutti i punti di vista – ha sottolineato Ganino – E’ importante attrarre persone, creare eventi per rivitalizzare un centro storico che è morto, cercando di sfruttare sempre più l’isola pedonale. Abbiamo in mente di promuovere e sostenere i negozi di vicinato. Non si può pensare ad un’area commerciale lontana dal centro. E stiamo lavorando anche sulla possibilità di trasformare gli spazi comunali in spazi commerciali con temporary shop. Invece per l’immenso parco di Villa Camperio sarebbe bello realizzare un giardino di inverno. Di idee ne abbiamo…”.

Non mancano proposte per i giovani

“Vogliamo lavorare per i giovani, dando loro facilitazioni negli affitti e migliorando in generale l’attrattività di Villasanta – ha continuato il 38enne – Ci piacerebbe trovare anche accordi per dare uno spazio cittadino a qualche università o ente di ricerca che magari vuole spostarsi fuori da Milano”.

Un parco tematico nella Lombarda Petroli

Gettonato anche il tema delle opere pubbliche .”Per esempio per tutta l’area della Lombarda Petroli sogno un grande parco tematico – ha continuato il candidato sindaco – Io posso ripensare ad un progetto diverso da quello iniziale. Qualcosa che non punti sul residenziale, che sia attrattivo a livello territoriale e che non riguardi solo Villasanta. Mi vengo in mente interventi, anche se di scala maggiore, fatti nella zona della Ruhr, in Germania, in zone industriali dismesse. Però prima, come detto, bisogna vedere come termina la vicenda giudiziaria. Per quanto riguarda l’Area Nord mi piacerebbe realizzare una piscina. Ovviamente andrebbe calcolata la sostenibilità del progetto. Avrei un’idea su come farla. Non sarebbe una piscina tradizionale, mi piacerebbe fosse una bio-piscina, piscina naturale che usa sistemi di filtraggio con piante e organismi acquatici. è una mia fantasia che mi piacerebbe realizzare”.

Leggi anche:  Littizzetto ironizza su Dante Cattaneo, che replica: "Niente lezioni da milionari radical chic"

Le ricette per il Sociale

Idee interessanti per quanto riguarda il sociale. “Proporremo vacanze organizzate per anziani ma non solo perchè abbiamo in mente un grande progetto di aiuto nei confronti delle persone in difficoltà, impegnandole in lavori di volontariato per il Comune e decurtando il corrispettivo, per esempio, sulla tassa sui rifiuti”, ha continuato Ganino.

Novità sulla mensa scolastica

E non sono mancate anche novità sulla mensa scolastica. “Se dovessimo vincere daremo la possibilità  alle famiglie di preparare da casa il pranzo senza dover obbligatoriamente accettare la mensa scolastica – ha continuato il 38enne – Invece per quanto riguurda la sicurezza posso dire che le telecamere ubicate in paese sono troppo concentrate in alcune aree e, invece, in altri no. Vedremo di ridistribuirle meglio sul territorio, soprattutto nelle aree più periferiche, sulle quali abbiamo grossi progetti di rilancio”.

Ganino e il Comitato “AbitiAmo Villasanta”

In molti si ricorderanno le battaglie politiche portate avanti da Ganino qualche anno fa. Era l’aprile del 2010 e il candidato sindaco del M5Stelle, insieme a Enrico Profumo, Corrado Farchioni e Sergio Garlati (questi ultimi due, nel 2014, si candidarono con Ornago nella civica «Cittadini per Villasanta») diedero vita al comitato «AbitiAmo Villasanta» per dire no alle modifiche viabilistiche allora paventate dalla giunta di centrodestra guidata da Emilio Merlo. Un comitato che nei mesi successivi riuscì anche a raccogliere oltre mille firme per mantenere l’isola pedonale in centro e scongiurare la riapertura alle auto delle vie Confalonieri e Mazzini. Una esperienza che l’ha portato a frequentare la lista civica “Cittadini per Villasanta” che appoggia Luca Ornago.

Le frecciate al centrosinistra

E non poteva mancare una prima frecciata politica nei confronti della compagnie di centrosinistra. “Ho frequentato la civica ma non mi sono mai esposto all’interno – ha concluso Ganino –  La cosa che non amo particolarmente di loro  è che siamo di fronte ad un insieme di partiti che si nascondono dietro il nome della lista civica. Dietro sappiamo benissimo che c’è il Pd che per me è un qualcosa di completamente al di fuori della mia visione politica. Parlando dell’Amministraizone comunale attuale posso dire che in questi cinque anni non ho visto una paese vivo ma solo tanta ordinaria amministrazione. Si sono disinteressati a rivitalizzare il centro storico. Solo ultimamente abbiamo visto molti lavori ma sono dettati dalla campagna elettorale evidentemente. Sui progetti portati avanti dalla Giunta merita un cenno particolare piazza Europa: non mi piace il progetto presentato da loro. Valuteremo come modificarlo”.

 

AMPIO SERVIZIO SUL GIORNALE DI VIMERCATE IN EDICOLA A PARTIRE DA MARTEDI’ 2 APRILE