Con Apa il design incontra l’artigianato. Inaugurata ieri, sabato 14 settembre, a Cesano Maderno, la mostra che “immagina” il lato buio del Cenacolo.

Con Apa il design incontra l’artigianato

In occasione del quinto centenario dalla morte di Leonardo da Vinci e dopo essere stata esposta in diversi luoghi a partire dal 2013, la mostra “1: 13. Le tredici sedie mai dipinte nell’Ultima cena di Leonardo” è a Palazzo Borromeo di Cesano Maderno fino al 13 ottobre, nell’ambito dell’iniziativa “Ville Aperte in Brianza”.

Tredici designer e tredici imprese

La collettiva è stata inaugurata sabato alla presenza dell’assessore alla Cultura Silvia Boldrini. “Tredici designer – spiega il presidente della sezione locale di Apa Paolo Rastellino – sono stati invitati a dare la loro personale interpretazione per queste sedute fino ad ora trascurate ma che potrebbero invece vantare il diritto di essere storiche. I progetti hanno poi preso vita grazie al lavoro esperto di artigiani brianzoli di Apaconfartigianato Imprese”. Tra chi ha contribuito a raccontare ciò che è finora rimasto inespresso, coniugando materiali, abilità manuale ed interpretazione, i fratelli Giorgio e Fausto Provasi della Proma (Provasi Mobili Arredamenti) di Cesano, che hanno dato forma alla sedia di San Giacomo.

Leggi anche:  Sarà un weekend con nuvole e pioggia PREVISIONI METEO

Ieri l’inaugurazione ufficiale

Introdotta dal concerto al pianoforte del maestro Davide Palazzo, insegnante della Ricordi Music School alla Cams di Cesano, la mostra che invita a guardare oltre alla tradizionale scena del Cenacolo è stata inaugurata dal presidente di Apa Confartigianato Monza Brianza e Milano Gianni Barzaghi e presentata al pubblico da Ernesto Mornatta, presidente Anap Confartigianato. “Ci è sembrato bello – così Barzaghi – che la nostra mostra, che ha avuto un successo insperato in questi anni, arrivasse a Palazzo Arese Borromeo in occasione di un’iniziativa come “Ville Aperte” che esalta la Brianza e la bellezza del suo territorio”.
La mostra, a ingresso libero, è aperta sabato e domenica dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19. Fino al 13 ottobre.