Corbetta: “Gestione del biglietto unico di Trenord non all’altezza. Si muovano a risolvere i problemi”.

Corbetta: “Gestione del biglietto unico di Trenord non all’altezza”

“È vergognosa l’odissea che stanno vivendo questa mattina migliaia di pendolari a causa dei guasti informatici dei sistemi di Trenord”.

“È un dato di fatto che la gestione da parte dell’azienda ferroviaria del passaggio al sistema di tariffazione integrata non sia minimamente all’altezza di ciò che i pendolari lombardi si aspettano e meritano. Molti utenti stanno pagando prezzi più alti per avere un servizio meno efficiente. La colpa principale di questi disservizi è dell’amministrazione comunale di Milano a guida PD che volendo accelerare sulla tariffazione integrata sta penalizzando i pendolari di tutta la Lombardia. Ma questo non dev’essere un alibi e ora spetta a Trenord darsi da fare per risolvere celermente queste criticità”.

Sono le parole di Alessandro Corbetta, Consigliere regionale della Lega, sui pesanti ritardi e disservizi di questa mattina causati dal guasto al sistema elettronico di gestione ed emissione dei biglietti. Le linee coinvolte dai disagi sarebbero ben 18, tra cui molte linee brianzole come la Monza Lecco Molteno o la Milano – Carnate – Lecco.

LEGGI ANCHE: Guasto ai sistemi informatici: linee ferroviarie nel caos

“La disastrosa scelta del sindaco di Milano Beppe Sala – continua Corbetta – di aumentare unilateralmente a 2 euro il biglietto della metropolitana, ha comportato conseguenze negative che gravano sulle spalle dei pendolari brianzoli e della provincia di Milano, che hanno subito di rimando i rincari del biglietto unico integrato. Ora è però doveroso – continua Corbetta – che innanzitutto le cose funzionino al meglio per i pendolari, perché i disagi di questi giorni non sono tollerabili. Trenord deve risolvere le criticità che sono emerse in questi giorni”.
“Formalizzerò una proposta in Consiglio regionale – sottolinea Corbetta – per chiedere di ovviare celermente a questi problemi, ma anche per potenziare le compensazioni a chi ha subito l’aumento in quanto fruitore del solo treno. Serve snellire la burocrazia sulle procedure di rimborso previste, in modo che siano più veloci ed efficaci, nonché estendere i tempi medi di rimborso.
“Infine – conclude Corbetta – quando arriveranno i nuovi treni previsti per potenziare il parco mezzi di Trenord, ritengo che questi vadano messi in funzione a partire proprio dal territorio brianzolo, oggi pesantemente colpito da tutta questa situazione.”