Corteo storico medievale, comincia il conto alla rovescia per l’appuntamento più atteso della “Sagra di San Giovanni”

Venerdì mattina la conferenza stampa

L’evento era di quelli attesissimi, con la Sala Giunta tirata a lucido, il codazzo dei giornalisti e fotografi e una folla rumorosissima di ospiti. Venerdì mattina in Comune è stata infatti presentata ufficialmente la XXXVII edizione della «Rivisitazione storica» monzese che si svolgerà sabato, inaugurando la lunga carrellata di eventi legati alla «Sagra di San Giovanni».

Un appuntamento imperdibile per la città di Teodolinda, che si aprirà già nel pomeriggio, alle 16,30 sotto i portici dell’Arengario, con un’anteprima nella quale verranno riproposte le scene di vita del tempo, e che vede al centro il matrimonio fra Bianca Maria Visconti e Francesco Sforza, cui è seguita l’iniziativa del duca Filippo Maria Visconti di far decorare dagli Zavattari con preziosi affreschi dorati la cappella della regina Teodolinda in Duomo.

Presenti tutti i volontari

Ad accompagnare l’ideatrice della Rivisitazione storica Ghi Meregalli, visibilmente emozionata, i numerosi volontari che anche questa volta hanno hanno reso possibile il funzionamento della complessa macchina organizzativa legata al Corteo in costume.

Primi fra tutti i figuranti, che hanno posato nei sontuosissimi abiti riprodotti artigianalmente dall’associazione « La Ghiringhella» di Villasanta mostrando le riproduzioni degli affreschi monzesi realizzate dagli studenti del liceo artistico «Nanni Valentini».

Leggi anche:  Attenti agli Arsenio Lupin dei supermercati

E ancora il pittore Gaetano Grimaldi, artefice del bellissimo gonfalone che precederà la sfilata serale lungo le vie del centro storico a partire dalle 21, Mario Setti e Rossana Russomanno, i due artisti che hanno forgiato l’oggetto – ricordo simbolo dell’odierna edizione, e tutti gli sponsor, fra i quali il “Giornale di Monza”.

Infine registi, architetti, scenografi, musicisti che insieme ai rappresentanti delle diverse associazioni monzesi e brianzole hanno lavorato senza sosta per dar vita alla più mirabile delle manifestazioni cittadine.

Corteo, una vera eccellenza culturale

«Il nostro grazie va dunque a Ghi Meregalli e a tutti coloro che si impegnano per tanti mesi affinché si realizzi questa pagina di storia locale, una vera eccellenza culturale che anche quest’anno certamente saprà stupirci» ha commentato il sindaco Dario Allevi, accompagnato dall’assessore alla Cultura Massimiliano Longo e dal vicepresidente di «Cancro Primo Aiuto» Nicola Caloni, la onlus che ha promosso l’iniziativa.

Tante le novità previste per questa edizione, che per per via dei lavori di ristrutturazione sulla facciata del Duomo non includerà peraltro la consueta discesa della colomba bianca dal campanile durante lo spettacolo della «Compagnia dei Folli», rivelando un finale rigorosamente top secret.

Al termine della presentazione, immancabile un brindisi benaugurante offerto da «Birra e Brace», uno degli sponsor. Un brindisi che in fondo, è foriero di un successo già assicurato.