Ferruccio Brambilla di Bernareggio dopo la pensione ha iniziato a viaggiare e dare il proprio aiuto a diverse missioni umanitarie in giro per il mondo.

La storia di Ferruccio

Per 40 anni nel mondo del settore biomedicale, dal 2005 è andato in pensione ed ha cambiato completamente vita aiutando centinaia di persone in giro per il mondo. Nato a Bernareggio nel 1951, Ferruccio Brambilla è stato credit manager per una importante azienda internazionale e quasi per caso ha iniziato ad interessarsi del volontariato:

«Arrivato a 40 anni di lavoro sono rimasto a casa in pensione quasi all’improvviso per il cambiamento delle leggi – ha affermato Feruccio – Dopo pochi giorni che ero a casa ho ricevuto una chiamata dall’amica Barbara Olivi che si trovava nella favela Rocinha di Rio De Janneiro nel 2005: l’ho raggiunta e insieme a lei e con l’associazione “Il sorriso dei mie bambini” ho iniziato ad aiutare gli abitanti della favelas. Li ci si inventa ogni giorno una diversa attività dettata dagli eventi quasi sempre infausti».

Un’esperienza a cui ne se sono seguite decine in giro per il mondo dal Sud America, all’Africa alle isole dell’Oceano Pacifico.

Leggi anche:  L'auditorium delle scuole intitolato a Tina Barbieri, generosa volontaria

L’intervista completa a Ferruccio Brambilla e tutte le foto dei suoi viaggi in edicola martedì con il Giornale di Vimercate sfigliabile anche online su pc, tablet e smartphone.