Una lettera inaspettata ma molto gradita per il sindaco di Villasanta Luca Ornago.

“Caro sindaco risolvi il più presto possibile il problema relativo ai parcheggi in via Mameli, nel quartiere di San Fiorano a Villasanta”.

E’ questo il testo della speciale missiva e non ci sarebbe nulla di strano se non fosse per il fatto che la lettera ha due mittenti particolari: loro sono Arina e Giovanni Paolo, due piccoli studenti di 10 anni, residenti in paese, che hanno voluto sottoporre al sindaco una problematica che sta loro molto a cuore.

Studenti di quarta elementare della scuola “Villa”

I due ragazzini frequentano la scuola elementare “Villa” di Villasanta nei giorni scorsi hanno preso carta e penna e scritto una lettera al sindaco, portando all’attenzione dell’Amministrazione comunale la problematica relativa agli spazi di sosta in via Mameli, ritenuti insufficienti.

“Abbiamo preso spunto da una attività fatta in classe insieme alla nostra insegnante Sara Davola – hanno raccontato i due piccoli in esclusiva alla nostra redazione – Lei ci ha spiegato  come si scrivono le lettere e quale forma bisogna utilizzare. E noi, partendo da un problema di parcheggi riguardante la zona del centro sportivo, abbiamo deciso di scrivere al sindaco”.

Il sindaco li ha ricevuti stamattina, sabato

E nei giorni scorsi la speciale missiva è stata inviata a palazzo comunale e pubbicata sulla pagina Facebook della mamma di uno dei due bambini e immediatamente notata dal primo cittadino, sempre molto attivo sui Social. Ornago stamattina, sabato, alla presenza della nostra redazione, ha incontrato i bimbi in piazza del Municipio insieme al comandante della Polizia locale Maurizio Carpanelli, facendosi spiegare nei minimi dettagli la problematica e i desiderata dei piccoli.

Leggi anche:  Scontro auto moto, centauro ferito in codice rosso

Ecco il testo della lettera

La risposta del sindaco e del comandante della Polizia locale a Giovanni Paolo ed Arina la potrete leggere sul Giornale di Vimercate in edicola a partire da martedì 26 marzo.