Due iniziative per una città amica della famiglia. Saranno presentate domani, giovedì 7 novembre,  a Cesano Maderno.

Due iniziative per una città amica della famiglia

Due strumenti di aiuto concreto alle famiglie in difficoltà economica, quelle che si trovano ad affrontare un momento di fragilità che i Servizi sociali non potrebbero prendere in carico. Sono i Gruppi di acquisto familiari (Gaf) e i buoni sconto di vicinato, che giovedì 7 novembre, alle 21, in Sala Aurora di Palazzo Arese Borromeo, saranno presentati alla comunità. Il sindaco Maurilio Longhin, firmatario del manifesto del Forum delle associazioni familiari, illustrerà le due iniziative (già in essere) che hanno come obiettivo la valorizzazione e il sostegno alla famiglia. Con lui Ivan Vitali, fondatore della scuola di Economia civile, Cinzia Battaglia, consigliere comunale in quota Pd che affianca il sindaco per le Politiche familiari, e Luigia Caria, responsabile del Gaf di Cesano Maderno.

Spesa on-line su un portale dedicato

“Attraverso i Gaf – spiega Battaglia (nella foto) – le famiglie fanno la spesa on-line su un portale dedicato, in una sorta di supermercato virtuale in cui si impegnano a spendere almeno 30 euro al mese. Attraverso i loro acquisti devolvono una quota a un Fondo solidale che sostiene il progetto”. La spesa viene consegnata direttamente a domicilio (gratis per ordini superiori alle 50 euro) da tre persone individuate dalla Caritas. “Persone che così vengono retribuite – continua Battaglia – e si sentono utili e integrate». È la sussidiarietà circolare, per cui le famiglie aiutano altre famiglie facendo acquisti solidali e rimettendo in circolo il 2 per cento di quello che spendono. “Una spesa fatta con la testa e con il cuore”, commenta Battaglia, che come il sindaco Longhin sta facendo la spesa tramite il Gaf ormai già da un anno.

Leggi anche:  Fratelli d'Italia cambia il presidente e punta al Consiglio comunale

Buoni sconto di vicinato

“I Gaf – spiega – sono soprattutto uno spazio nel quale nascono relazioni tra famiglie e si attivano circoli virtuosi di sostegno reciproco, unendo gli aspetti del consumo consapevole a quello del mutuo aiuto”. Il Fondo solidale è alimentato anche dai buoni sconto di vicinato, che vengono consegnati a chi fa un’offerta e danno diritto al 10 per cento di sconto negli esercizi commerciali e nei supermercati del territorio che aderiscono all’iniziativa. “L’obiettivo – così Battaglia – è sostenere le famiglie che attraversano momenti di fragilità economica interagendo con loro, offrendo una prospettiva di amicizia e di speranza. Politiche per le famiglie e con le famiglie, nella convinzione che la famiglia sia una risorsa e un valore, otre che un cardine della nostra società”.