Dopo il successo riscosso nel 2017 alla sua prima edizione, domenica è tornato il Concorso di eleganza in moto d’epoca proposto dal Registro Storico Gilera e dal Gilera Club Arcore nell’ambito dell’Autunno arcorese, sotto l’egida della FMI Lombardia.

Le foto dei premiati

Oltre 52 i partecipanti suddivisi in 7 categorie

“Lo scorso anno, 70 sono state le moto iscritte, ma oltre 100 quelle che hanno sfilato lungo via Roma; domenica  si sono registrati 52 partecipanti, che hanno sfilato davanti alla giuria che ha espresso il suo verdetto valutando, nell’insieme, moto e conduttore abbigliato in sintonia con il modello e l’anno di costruzione del proprio mezzo – ha sottolineato Daniela Confalonieri, segretaria e responsabile ufficio stampa del Registro Storico Gilera di Arcore – Suddivise in base alle 7 categorie stabilite dal regolamento federale, le moto partecipanti hanno fatto bella mostra di sé sul piazzale d’ingresso del Parco, mentre si svolgevano le due visite guidate alla Villa Borromeo programmate in collaborazione con il sodalizio locale, Natura e Arte”.

La “lectio magistralis” di Romolo Ciancamerla

Nel frattempo, evento nell’evento è stata la breve conferenza che Romolo Ciancamerla, oggi in forze alla Yamaha ma storico ingegnere di Casa Gilera, ha tenuto introducendo le moto degli anni Ottanta e Novanta portate in esposizione dai soci Stefano Calestani e Nicolò Bestetti, concentrandosi in modo particolare sulla Gilera SP Crono del 1991.

Uno spettacolo la sfilata cittadina delle moto d’epoca

Concluse le iscrizioni e le visite guidate, la manifestazione è entrata nel vivo alle ore 10.30 con la sfilata cittadina lungo le seguenti vie: Largo Vela, vie Monte Grappa, Abate d’Adda, Marche, Lombardia, Toscana, Golgi, Ferrini, Edison, Falck, Piave, Trento e Trieste, Gorizia, Roma, Largo Vela (rotonda), Roma, San Martino, Centemero, Cavour, Beretta, San Martino, Roma e Largo Vela. Come sempre, le moto partecipanti sono state scortate dai Carabinieri di Arcore e assistite dai volontari della Protezione civile.

Conclusa la sfilata cittadina, i partecipanti sono transitati davanti alla giuria presieduta dal Presidente del Comitato moto epoca della FMI Lombardia, Paolo Morandi scendendo dal vialetto di destra della montagnola, dopo che si sono radunati sul piazzale d’ingresso delle Scuderie della Villa Borromeo, con accesso da via Montegrappa. Insieme a Morandi, al tavolo della giuria si sono accomodati il presidente del Registro Storico Gilera, Massimo Lucchini, il Presidente del Gilera Club Arcore, Giancarlo Mondonico, il direttore della rivista ‘Motociclismo’, Marco Riccardi e il Sindaco di Arcore, Rosalba Colombo.

I vincitori

Dopo la pausa pranzo che ha consentito alla giuria di fare tutti i conteggi del caso, alle 14.30 si sono svolte le premiazioni finali, che hanno visto ai primi tre posti delle 7 categorie previste da regolamento, i seguenti conduttori:

Leggi anche:  Ad Arcore ritorna "Volontariamo", la fiera della solidarietà

Sottocanna: Mario Cimino (primo classificato su Triumph 500 del 1926).

Epoca: Maurizio Girola (terzo classificato su Gilera VL 220 del 1936), Camillo Mignanego (secondo su Gilera 250 Sirio del 1941) e Arcangelo Betti (primo su BSA del 1932);

Storiche: Carlo Caria (terzo classificato su Vespa 150 VBA 1T del 1959), Alberto Picelli (secondo su Gilera Saturno 500 del 1951) e Daniele Maggioni (primo su Gilera 125 Turismo del 1951);

Classiche: Dante Girvasi (terzo classificato su Gilera 125 del 1969), Massimo Marveggio (secondo su Harley-Davidson Electra Glide del 1973) e Pietro Mezzi (primo su Moto Guzzi V7 GT 850 del 1972);

Fuoristrada: Sabrina Apostoli (prima classificata su Gilera 175 Regolarità Competizione del 1969);

Sidecar: Giancarlo Beretta (terzo classificato su Gilera Saturno 500 del 1949), Angelo Rossi (secondo su BSA 500 W 32-6 del 1932) e Diego Maggioni (primo su Moto Guzzi 500 Sport 14 del 1929);

Militari: Moreno Lomartire (terzo classificato su Gilera B300 Militare del 1958), Carlo Vertemati (secondo su Moto Guzzi Super Alce 500 del 1956) e Romano Capelli (primo su Moto Guzzi GT 17 del 1936).

Il best of show è stato assegnato a Damiano Iacomini

Il best of show è stato assegnato a Damiano Iacomini su Moto Guzzi Sport 15 500 del 1934, che ha ottenuto il maggior numero di preferenze da parte della giuria, che ha infine assegnato i due premi speciali voluti dagli organizzatori del Registro Storico Gilera e del Gilera Club Arcore.

La targa alla memoria di Nino Brioschi

La targa alla memoria di Nino Brioschi, storico segretario del Moto Club, è stata consegnata dal figlio Adolfo, al conduttore più giovane, ossia Francesco Gavazzini di Stezzano, classe 1993, che ha preso parte al Concorso di eleganza in sella al suo cinquantino della Bianchi del 1953.

La targa alla memoria dell’amico Michele Cantù

La targa alla memoria dell’amico Michele Cantù, è stata invece consegnata al socio dei due sodalizi organizzatori che ha ricevuto il punteggio più alto, ossia Camillo Mignanego, che ha ritirato il premio voluto anche dai genitori di Michele, Delia e Piero, fra la commozione che ha coinvolto tutti i presenti.