Elisabetta Aldrovandi, la Garante per la tutela delle vittime di reato. Lunedì scorso a Monza la presentazione della figura istituita da Regione Lombardia.

Elisabetta Aldrovandi lunedì a Monza

Elisabetta Aldrovandi Garante per la tutela delle vittime di reato

“Qui da Monza parte oggi un tour conoscitivo nelle province e nei territori lombardi per promuovere la creazione di una rete di collaborazione e forte sinergia tra istituzioni, enti e soggetti che favorirà azioni concrete di sostegno alle vittime di reato.

“Mi rendo conto della delicatezza e dell’importanza del mio ruolo e delle attese e delle aspettative che i cittadini nutrono nei confronti delle istituzioni in materia di sicurezza, e sono altrettanto consapevole della necessità di garantire adeguati servizi di sostegno e supporto psicologico e, laddove necessario, anche psichiatrico.

“Per questo è indispensabile una rete coordinata e strutturata, con il coinvolgimento diretto e la sensibilizzazione anche del mondo della scuola e degli educatori. Non mancheremo infine di far pervenire al Consiglio regionale spunti e proposte in ambito legislativo per migliorare ulteriormente le norme vigenti in materia”.

Si è presentata così la nuova Garante per la tutela delle vittime di reato Elisabetta Aldrovandi, che lunedì a Monza ha incontrato presso la Sede Territoriale di Regione Lombardia le principali istituzioni locali.

L’incontro con le istituzioni

Erano presenti i consiglieri regionali brianzoli Marco Mariani (Lega) e Pietro Luigi Ponti (Pd); il presidente della Provincia di Monza e Brianza, Concettina Monguzzi; il questore di Monza Michele Sinigaglia; il responsabile dell’Ufficio di Polizia giudiziaria Cinzia Di Simone; il Coordinatore dell’Ufficio Gip-Gup della Procura Patrizia Gallucci e i rappresentanti dell’amministrazione comunale, dell’Ats e dell’Asst monzesi.

L’importanza di fare rete

Sull’importanza della rete tra le istituzioni locali e sulla necessità che queste lavorino in stretta sinergia tra loro ha puntato molto nel suo intervento anche il consigliere Ponti, che ha ricordato come la figura del Garante sia stata istituita all’unanimità dall’Assemblea regionale, a conferma della totale condivisione politica sulla sua necessità e sulle competenze che gli sono state affidate.

Leggi anche:  Vimercate eccellenza verde secondo comitato nazionale Zero Waste Italy

Mariani ha invece sottolineato come in ambito legislativo sia necessario intervenire per tutelare sempre di più il cittadino privato davanti alla minaccia, ad esempio, di chi si introduce in casa altrui armato e con l’intento di rubare, spesso rendendosi responsabile di azioni violente e aggressioni nei confronti dei proprietari dell’abitazione.

Istituito dalla legge regionale n°22 del 2018, il Garante per la tutela delle vittime di reato ha inaugurato nel capoluogo monzese il proprio tour conoscitivo delle varie realtà provinciali, che vedrà la Aldrovandi intervenire lunedì 8 luglio a Brescia e lunedì 15 a Bergamo.

I compiti del Garante

Prima figura in Italia, il Garante regionale per la tutela delle vittime di reato ha tra i suoi compiti principali quello di fornire assistenza gratuita alle vittime di reato collaborando con istituzioni e organismi di garanzia e professionali, quello di favorire attraverso le strutture regionali un efficace accesso a trattamenti assistenziali e psicologici e di promuovere attività di informazione e di formazione a tutela delle vittime. Il Garante sarà inoltre il riferimento della rete regionale di supporto e tutela delle vittime di reato che la legge ha previsto e istituito, mettendo in relazione associazioni, organizzazioni e istituzioni.

Per il suo funzionamento e per lo svolgimento delle attività di sua competenza, potrà contare sul supporto di uno specifico staff regionale e su un budget annuo di 70mila euro.

Chi è Elisabetta Aldrovandi

Elisabetta Aldrovandi, 45 anni, avvocato, modenese, è anche fondatrice e presidente dell’Osservatorio nazionale per il sostegno delle vittime e da sempre ha impostato la sua attività professionale occupandosi di tutela delle vittime di reati, crimini violenti e dell’assistenza ai familiari in sede processuale.

TORNA ALLA HOME