Evendor Cup, un successo il torneo “senza barriere” made in Aurora Desio. Uno scenario del tutto nuovo, inedito, su un campo di calcio. Un ambiente totalmente senza barriere. Uno spettacolo di amicizia, gol, emozioni, sorrisi. Sotto le bandiere del fair play e della condivisione.

Evendor Cup, successo per il torneo senza barriere

Tutto questo e molto altro è stata l’eVendor Cup 2019, la manifestazione promossa dall’Aurora Desio che si è svolta sabato 14 settembre, sotto le telecamere di Sky Sport: “La Giovane Italia”, infatti, il format ideato dal giornalista Paolo Ghisoni ha selezionato l’Aurora e il suo torneo come una delle realtà più innovative ed educative sul territorio nazionale. Decidendo di dedicargli un servizio, che uscirà prossimamente.

Una nuova cultura sportiva

Ma non solo: “Abbiamo trovato pieno feeling e medesimi obiettivi – spiegano Alessandro Crisafulli e Mario Trezzi, al vertice del club bluarancio – cioè cambiare il calcio giovanile, con una nuova cultura sportiva che abbia al centro il benessere dei bambini e ragazzi, che restituisca a loro il gioco, e non abbia come focus la vittoria a tutti i costi e con ogni mezzo”. Da qui, una collaborazione duratura, che vedrà nuovi progetti di rilievo nazionale nel corso della stagione.

Leggi anche:  "Via di qua lesbica": la Regione chiede all'ospedale l'avvio di una indagine dopo il caso di omofobia a Lecco

Clima di festa e sportività

Tra #RiscaldamentoCondiviso, #PanchinaCondivisa, genitori in campo, silent match (i mister invitati a non dare indicazioni tecniche ai bambini, per non “stressarli”), si sono sfidate le migliori academy della Lombardia: il Monza, il Lecco, il Renate, l’Accademia Como, la Varesina, il Bulgaro, il Luciano Manara, il Città di Segrate, oltre ovviamente ai piccoli bluarancio. In totale, 18 squadre, su 3 categorie, 27 partite, 180 bambini dai 7 ai 9 anni, un mare di gol. Tutto in un clima di festa e sportività, dove non ci sono nemici ma solo avversari, che possono diventare anche nuovi amici. Con la presenza di Angelo Bonfrisco, ex arbitro di serie A, di Francesco Messori, capitano della Nazionale amputati, e una partita di amicizia tra i Giovanissimi di casa e la squadra Tiki Taka di calcio integrato di Desio. Alle premiazioni, altra chicca ideata dall’Aurora: una targa per il “Miglior gruppo genitori”, che si è contraddistinto per tifo positivo, assegnato a mamme e papà dei 2010 dell’Fcd Bulgaro. Biglietto d’ingresso? No ticket. Offerta libera destinata a Libera Monza Brianza, contro tutte le mafie.