Era solo uno scherzo. Le Iene, domenica 24 febbraio 2019, hanno fatto irruzione al ristorante San Marco di Arosio per tendere una trappola a Francesco Facchinetti (QUI I DETTAGLI).

Facchinetti e lo scherzo de Le Iene

Francesco e la moglie, Wilma Faissol, che abitano a Mariano Comense, hanno incontrato Laura Cremaschi al ristorante. Lì la donna si è avvicinata a Facchinetti per chiederle un selfie. Lui, con grande disponibilità ha accettato, ma quando la showgirl è tornata alla carica per chiedere il bis, seguendo in bagno dj Francesco, allora Wilma ha perso le staffe. Visto che la situazione non era delle migliori, dj Francesco ha quindi deciso di uscire dal locale. Passando davanti al tavolo della Bonas di Avanti un altro, la modella brasiliana ha però lanciato un calice di vetro. Tutto registrato e postato in rete dalla Cremaschi e bufera sulla reazione, decisamente aggressiva, della moglie di Facchinetti.

Nel pomeriggio però l’ammissione de Le Iene. “Scherzo scherzetto! Dietro l’aggressione della moglie di Francesco Facchinetti a Laura Cremaschi, che si vede in un video diventato subito virale, ci siamo noi!” hanno scritto sul loro sito. Complice di tutto la moglie del marianese che si è dimostrata un’ottima attrice.

Leggi anche:  Sarà un weekend variabile, nuvole sui rilievi | Previsioni meteo

“Avrei dovuto capirlo, chi litigherebbe per me?”

Ancora provato per quanto successo, Facchinetti ha affidato le sue parole a Instagram: “Perché 24 ore di scherzo? Grazie a Le Iene, vorrei capire perché proprio a me lo scherzo così lungo. Avrei dovuto capirlo però, chi va a litigare per me? L’unica cosa che poteva far innervosire era il mio giubbino tutto colorato che faceva andare fuori di testa. In questo o un altro mondo, me la pagherete”. Poi i toni si fanno più seri: “Ringrazio però tutte le persone che mi hanno scritto, preoccupate, per quello che leggevano. Sono emozionato perché in un momento di difficoltà in molti mi hanno abbracciato quando palesemente avevo fatto una figuraccia”.  E intanto Wilma scherza: “Avremmo potuto farlo durare un paio di giorni questo scherzo”.