Un falco pellegrino e un lodolaio soccorsi dai volontari della sezione di Milano dell’Enpa.

Falco pellegrino soccorso da Enpa

Sabato sera nei pressi di un albergo in zona Piazzale Corvetto a Milano, una cittadina ha visto un falco pellegrino in difficoltà a terra che tentava di involarsi ma senza successo. A piccoli balzi il rapace si è successivamente spostato nel giardino interno dell’albergo per cercare di rifugiarsi e per questo motivo la persona che ha assistito alla scena, preoccupata per le sorti del rapace, ha prontamente allertato telefonicamente il pronto soccorso di Enpa Milano.

I soccorsi

I soccorritori giunti sul posto intorno a mezzanotte, hanno catturato il falco che nel frattempo si era infilato nella rampa di scale a chiocciola di accesso al parcheggio sotterraneo dell’hotel e trasferito l’uccello presso la clinica veterinaria dell’associazione. “Quando si è appreso della cattura avvenuta sabato sera del falco pellegrino, domenica ci siamo subito messi in contatto con chi sta seguendo il progetto della coppia Giò e Giulia, i due falchi che hanno nidificato sul Pirellone, per verificare che non fosse uno di loro – ha commentato Ermanno Giudici, presidente di Enpa Milano -Dopo alcune ore di “indagini” abbiamo accertato che il falco soccorso da Enpa Milano non fosse uno dei due presenti sul famoso grattacielo meneghino ed è stato trasferito come da prassi direttamente al Cras di Vanzago”.

Leggi anche:  Non solo cani: pesci rossi abbandonati ad agosto, serve un acquario pubblico

Lodolaio trovato a Cinisello

Questa mattina, lunedì,  invece in un cortile di un’azienda di Cinisello Balsamo, è stato rinvenuto un lodolaio, un rapace di dimensioni notevolmente più ridotte, anche lui a terra e in grosse difficoltà nel tentativo di riprendere il volo. Quasi sicuramente la causa del trauma è costituita dall’impatto contro le vetrate a specchio di qualche palazzo della zona. I dipendenti dell’azienda lo hanno raccolto da terra, messo in una scatola e consegnato direttamente agli operatori di Enpa Milano presso la sede di via Gassendi 11.

Una curiosità: il lodolaio è conosciuto nel mondo scientifico con il nome di falco subbuteo, nome del gioco da tavolo inventato dall’ornitologo Peter Adolph a cui deve il suo nome.