Nell’ultimo bollettino medico dell’ospedale di Desio si parlava di “condizioni estremamente critiche”

Famiglia avvelenata dal tallio, morto anche il papà

Si aggrava il bilancio della famiglia di Nova Milanese avvelenata dal tallio. Dopo la morte della 62enne Patrizia Del Zotto, avvenuta nella notte, poco fa è arrivata la notizia del decesso del padre, D.Z. G.B., di 94 anni.

L’anziano era ricoverato insieme alla moglie di 87 anni e alle due figlie all’ospedale di Desio. L’altra figlia e la moglie del 90enne sono invece ancora ricoverate. La prima è in condizioni stabili mentre la mamma è in condizioni definite “estremamente critiche“.

Il ricovero

Il ricovero, prima delle due sorelle e poi su richiesta dell’ospedale anche dei genitori, è avvenuto il 25 settembre, a seguito di una vacanza in Friuli. Patrizia Del Zotto in particolare aveva accusato seri malori: le sue condizioni si sono poi aggravate nella giornata di sabato, fino al decesso avvenuto nella notte.

Leggi anche:  Ragazzini sul tetto della scuola, la ramanzina del vicesindaco (educatore)

Un’intera famiglia intossicata dal tallio

Secondo quanto ricostruito, l’intossicazione sarebbe avvenuta a seguito dell’esposizione prolungata al tallio, elemento generalmente contenuto nei topicidi, ma che può essere presente anche negli escrementi di piccione. Le indagini avviate dai Carabinieri di Desio su input della direzione sanitaria dell’ospedale, avrebbero portato a una casa vacanze della famiglia in Friuli, dove le due sorelle e altri famigliari hanno trascorso ultimamente un periodo di tempo prolungato. Il fienile dell’abitazione di campagna sarebbe stato infestato da piccioni, i cui escrementi contengono tallio. Le esalazioni, inalate per un tempo prolungato, potrebbero essere state la causa dell’avvelenamento della famiglia.

L’ipotesi dell’intossicazione alimentare

Ma nelle ultime ore si fa strada anche un’altra ipotesi. Gli investigatori hanno analizzato i cibi che la donna deceduta nella notte tra domenica e lunedì ha assunto prima di sentirsi male. Il tallio infatti è velenoso sia per inalazione che per ingestionen e la morte potrebbe essere stata causata da un’intossicazione alimentare.