Speciale tappa a Seveso per Giorgio Gori. Il candidato del Partito Democratico alla presidenza di Regione Lombardia è stato ospite di una serata organizzata al cinema Politeama.

La Lombardia è le donne

“La Lombardia è le donne”. Questo il titolo della serata organizzata al multisala sevesino. Ospiti, oltre a Gori, anche Lella Costa, Manuela Ulivi, che da trent’anni si occupa di violenza di genere, e Cecilia Spanu, mamma e imprenditrice dalle molte vite per una serata dedicata innanzitutto alle donne. “Come se la passano le donne in Lombardia? – si è chiesto Gori sul palco – Meglio che in altre regioni, ma non come vorrebbero. Le percentuali di accesso al mondo del lavoro sono più basse che nella maggior parte dei Paesi europei e gli episodi di maltrattamenti e violenze verso le donne sono all’ordine del giorno. Cambiare si può”.

Lavoro e non solo nel programma

Prima di fare tappa a Seveso, Gori aveva visitato anche Bovisio Masciago, Vimercate e Barlassina. Sul palco del multisala, il sindaco di Bergamo ha parlato anche del proprio programma. Tema fondamentale il lavoro: “L’esperienza di molte donne in ambito lavorativo si è rivelata infelice, le medie sono piuttosto basse se paragonate a molte regioni europee, con cui la Lombardia dovrebbe confrontarsi”. Altri temi trattati sono stati la sanità, il contrasto alla povertà, l’istruzione e l’inquinamento dell’aria. “Al nostro progetto però stiamo mano a mano aggiungendo tasselli grazie anche a serate come questa. Si tratta di un progetto a cui possono prendere parte tutti i cittadini lombardi desiderosi di cambiare”.

Leggi anche:  Incidente mortale a Seveso, fuori pericolo la moglie della vittima

Soddisfazione di Seveso per Gori

Al termine della serata il comitato Seveso X Gori ha espresso la propria soddisfazione attraverso le parole del suo fondatore Daniele Barison: “La serata si è rivelata un grandissimo successo. C’è stata una partecipazione davvero numerosa e siamo davvero molto felici dell’esito finale. Un ringraziamento a tutti coloro che hanno partecipato. A noi, invece, non resta che continuare su questa strada”.