È stata celebrata questa mattina, presso l’Ospedale Mandic di Merate, la Giornata Nazionale della Gentilezza. L’evento, che si è svolto nella Hall del nosocomio meratese, è stato organizzato dall’ASST di Lecco in stretta collaborazione con il Comune di Carnate, promotore della particolare iniziativa.

LEGGI ANCHE Siate buoni: oggi è la Giornata Mondiale della Gentilezza

Giornata della gentilezza in ospedale

Durante questa speciale giornata, gli operatori comunali hanno incontrato e incoraggiato i numerosi cittadini e utenti che accedono al Mandic a svolgere azioni e attività volte alla promozione della buona educazione e della gentilezza. Presente ad intrattenere curiosi e passanti con giochi gentili e divertenti anche il gruppo del Centro Diurno Disabili di Carnate.

“Con questa prima giornata, qui a Merate – spiega il Sindaco di Carnate, Daniele Nava – abbiamo celebrato la gentilezza, una parola semplice all’apparenza che invece racchiude al suo interno un valore che, purtroppo, è andato perduto nella società contemporanea in cui viviamo oggi”.

“Una società per certi versi innovativa, ma sempre in corsa – continua il Primo Cittadino – che in questa corsa ha perso alcuni dei valori fondanti, basilari, tra i quali la gentilezza: quel complesso di gesti semplici di attenzione all’altro, non solo di buona educazione e di aiuto”.

“Questa giornata – dichiara Paolo Favini, Direttore Generale dell’ASST di Lecco – ci ricorda di essere gentili perché purtroppo, troppo spesso nella nostra quotidianità, ci dimentichiamo di essere gentili verso gli altri, verso le persone che ci stanno più vicine”.

“Essere gentili non è facile. Nell’era moderna per praticare gentilezza bisogna essere coraggiosi, quasi rivoluzionari, andare in contro tendenza a quella che è una società spesso fatta di individualismo, egoismo, scortesia e maleducazione” affermano all’unisono Favini e Nava “I problemi quotidiani, in qualsiasi situazione essi si presentino, si risolvono col dialogo, con l’aiuto delle persone che ci stanno vicine, con la condivisione e con gesti e parole sempre gentili”.