Giornata dell’albero: progetto di legge Pd per una Lombardia più verde.  L’obiettivo è realizzare, entro il 2030, 10mila ettari di nuovi boschi, sistemi verdi e forestazione urbana. Tra i firmatari il consigliere di Cesano Maderno Gigi Ponti.

Giornata dell’albero: per una Lombardia più verde

Realizzare, entro il 2030, 10mila ettari di nuovi boschi, sistemi verdi e forestazione urbana per contribuire all’abbattimento dell’inquinamento, contrastare i cambiamenti climatici, incentivare la biodiversità e migliorare la qualità della vita. È l’obiettivo che si pone il progetto di legge che il rruppo regionale del Pd ha depositato ieri,  alla vigilia della “Giornata nazionale dell’albero”, che si celebra oggi, giovedì 21 novembre.

Gigi Ponti, consigliere regionale del Partito democratico

“Un’idea che non nasce certo oggi, ma che è il frutto di un lungo lavoro di confronto e ascolto con esperti del settore – spiegano il consigliere regionale di Cesano Maderno Gigi Ponti e il collega  Matteo Piloni,  firmatari della proposta – In Lombardia se ne parla dal 2008, quando nel testo unico sull’agricoltura, la legge regionale 31/08, è stato previsto di realizzare 10mila ettari di sistemi verdi, ma a oggi ve ne sono solo un terzo”.

Leggi anche:  Il Partito democratico di Trezzo sull'Adda rinnova il Direttivo: Davide Ghidotti eletto nuovo segretario

Il progetto nel dettaglio

“Con il nostro progetto di legge – spiegano Ponti e Piloni – incentiviamo la realizzazione e la manutenzione dei sistemi verdi tramite il pagamento dei servizi ecosistemici forniti sul territorio, attraverso un fondo di 20 milioni di euro per un programma, almeno quinquennale, che sostenga interventi promossi dagli enti locali e dagli operatori del settore agricolo. E 10mila ettari equivalgono a 15 milioni di alberi, ma in realtà significa incentivare tutti i sistemi verdi, dunque siepi, filari, marcite, per contribuire ad aumentare la biodiversità, la produzione agricola e dunque a migliorare la qualità dell’ambiente della nostra regione sia nelle aree urbane, sia nelle aree agricole”.

TORNA ALLA HOME