Giovannini d’oro, nel centro storico il sindaco Dario Allevi ha aperto la cerimonia di premiazione. Mentre in periferia tanti cittadini hanno cercato inutilmente le bancarelle all’ex macello.

Giovannini d’oro, un clima di festa

Giovannini d’oro. L’attesissima cerimonia si è aperta alle 12 in Arengario, subito dopo la messa in Duomo presieduta dal cardinale Angelo Scola.

Grande la partecipazione dei presenti, che ha contribuito a scaldare l’atmosfera, apparsa fin da subito piuttosto festosa.

I premiati

A ricevere la civica benemerenza sono stati Anna Sorteni, fondatrice del Museo Etnologico di Monza e Brianza, il giornalista Giancarlo Nava e la coordinatrice della scuola “Maria Bambina” di San Biagio Antonella Vezzani.

Il premio alla memoria è andato al medico Angelo Gironi, venuto a mancare lo scorso anno, fondatore nel 1970 del “Cam”. A ritirare la medaglia è stata la moglie Cristina.

Il Premio Corona Ferrea, infine, è andato allo “Sporting Club”, guidato da Carlo Cappuccio.

Niente fiera

A margine della cerimonia non sono però mancate le polemiche. Al centro della diatriba l’assenza delle bancarelle della Fiera tradizionalmente previste nell’area dell’ex macello.

Leggi anche:  Assicurazione autocarri: come scegliere la migliore

Una situazione che ha colto di sorpresa parecchie persone, che hanno poi manifestato la loro delusione anche sui social.