La trezzese Ileana Pelanda ha vissuto sulla sua pelle la povertà. Un’esperienza oggi fortunatamente superata, ma che le ha comunque lasciato un segno.

Ha vissuto sulla sua pelle la povertà, ora aiuta senza tetto e bisognosi

Qualche anno fa ha vissuto sulla sua pelle cosa si prova stare in condizioni di indigenza; un’esperienza oggi fortunatamente superata, ma che le ha comunque lasciato un segno. Per questo oggi si attiva per dare una mano concreta ai bisognosi che non hanno una casa e vivono all’addiaccio nelle grandi città consegnando loro coperte, generi alimentari, qualche stoviglia e magari anche un buon caffè caldo. Le si chiama Ileana Pelanda, ha 41 anni, è originaria di Cassano d’Adda, ma da tempo vive a Concesa nella frazione trezzese insieme al marito e ai suoi tre figli piccoli. Ha deciso di raccogliere nella sua abitazione coperte, vestiti (usati e non), scarpe, cibo in scatola, stoviglie e anche cucinini e bombole da campeggio, al fine poi di portarle alla stazione di Bergamo per poi distribuirle personalmente ai bisognosi.

Leggi anche:  Nuovi treni per servizio ferroviario regionale, consegnato il primo Caravaggio FOTO

L’articolo completo sul numero della Gazzetta dell’Adda in edicola da sabato 16 novembre 2019 e nello sfogliabile online.

Clicca qui per tornare alla home page e leggere altre notizie del giorno.