I big del volley all’ospedale di Desio. Non sono passati inosservati i tre campioni della Pool Libertas Cantù che nei giorni scorsi hanno varcato l’ingresso  della struttura di via Mazzini.

I big del volley all’ospedale di Desio

Raydel Poey, Matheus Motzo e Martins Arasomwan, giocatori di Serie A nella Pool Libertas Cantù, sono stati accolti dal dottor Paolo Mascagni e dal suo staff per i controlli medici di rito necessari alla ripresa della stagione agonistica. I tre atleti, risultati in buona forma, si sono affidati ai professionisti della Asst di Monza. Mascagni, primario e direttore di dipartimento presso l’ospedale di Desio, è infatti il responsabile medico della società: “È la quarta stagione che mi accingo a fare da componente dello staff. Molte prima le avevo fatte da tifoso. Sono onorato della conferma, e spero di poter trasferire l’esperienza dal reparto ospedaliero al campo”.

Si sono affidati al dottor Mascagni

I tre big, il cubano Poey, classe 1982, Motzo, schiacciatore sardo di origine brasiliana del 1999 che gioca anche nella Nazionale Under 21, vice campione del mondo (luglio 2019 mondiali U21 in Bahrein) e il nigeriano Arasomwan classe 1995, confidano che non si tratta di una vita facile, nonostante le luci dei riflettori: “Si inizia da giovanissimi con avventure internazionali, lontani dalle proprie famiglie, con grandi soddisfazioni ma con tante difficoltà. Ci appoggiamo alla società e ai nostri compagni che diventano la nostra famiglia e a persone come il dottor Mascagni che diventa un punto di riferimento”.

Leggi anche:  In Brianza il raduno internazionale Autobianchi

“La Asst punto di riferimento per i traumi sportivi”

“I giocatori della Pool Libertas Cantù rientrano tra le tante storie che vengono affrontate ogni giorno dai nostri professionisti con tatto, passione, coinvolgimento ed esperienza – sottolinea il Direttore Generale della Asst di Monza Mario Alparone -. È grazie a loro se la Asst di Monza è diventata un punto di riferimento regionale e nazionale anche per i traumi sportivi e per le necessità di questi big dello sport”.